Il premier Conte chiede l’unità dei partiti di Governo: «I cittadini non capirebbero una rottura»

Il Presidente chiede l'unità dei partiti di Governo. A breve partirà la campagna per le elezioni Europee.

Conte non molla un centimetro sul caso Siri.
Conte non molla un centimetro sul caso Siri.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte frena qualsia ipotesi in merito a eventuali problematiche del Governo M5s-Lega. Il garante più alto ribadisce che i due partiti «hanno interesse a proseguire in questa direzione e sanno che i cittadini non capirebbero una inversione di rotta». Queste sono le dichiarazioni che Conte ha rilasciato a “La Stampa”. Il governo non ha problemi perché sia il M5s sia la Lega. Durante l’intervista sono stati analizzate diverse tematiche. Tra queste Quota 100, Reddito di cittadinanza e Legge di bilancio.

Conte e il Governo M5s-Lega

Giuseppe Conte parte sin da subito nel fare il punto della situazione. «Le forze che sostengono il governo hanno dato prova di responsabilità e il lavoro proseguirà nell’interesse degli italiani. Non c’è stata – dichiara il Presidente del Consiglio – nessuna deliberata volontà di comprimere il vaglio del Parlamento. I ritardi sul testo sono piuttosto al negoziato con Bruxelles, davvero complesso». Grande soddisfazione per la Legge di bilancio identificata come«un grande risultato. È una manovra espansiva con dentro reddito di cittadinanza e quota 100, con i conti in ordine e l’ok dell’Europa. Di questo sono orgoglioso». 

Elezioni Europee, ostacolo o punto di forza?

Nessun problema sugli investimenti da attuare nel futuro. Per il prossimo triennio, infatti, la cifra stabilita sarà di 15 miliardi circo. I fondi europei, in questa ottica, serviranno come supporto di riequilibrio. Tassazioni in arrivo anche per i servizi digitali e per il gioco d’azzardo. A gennaio partirà la campagna per le elezioni Europee. Tutto questo, vista la coesistenza di due partiti al Governo, con a capo Luigi Di Maio e Matteo Salvini, potrebbe mettere in crisi la stabilità dello stesso. A tal riguardo Conte risponde che «le forze politiche che sostengono il Governo hanno dato prova di grande responsabilità in questi primi mesi. Sono certo che il lavoro proseguirà nell’interesse dei cittadini italiani. Da parte di tutti c’è una profonda condivisione di quel desiderio di cambiamento che è scritto nero su bianco nel contratto di governo. Entrambe le forze politiche hanno interesse a proseguire in questa direzione».

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.