Campidoglio, Raffaele Marra condannato per corruzione

Raffaele Marra è stato condannato: lo ha deciso il pubblico ministero Zuin. Dovrà risarcire anche il Campidoglio per una somma di 100mila euro.

Campidoglio, la vicenda di Raffaele Marra
Arriva una condanna per Raffaele Marra

L’ex braccio destro di Virginia Raggi è stato condannato a 3 anni e sei mesi. Lo ha stabilito una sentenza che ha inflitto la pena a Raffaele Marra. L’accusa è di corruzione.

La vicenda di Raffaele Marra

Due anni fa questo evento travolse il Campidoglio e, di fatto, l’amministrazione guidata dal sindaco di Roma Virginia Raggi. La procura aveva chiesto 4 anni e sei mesi di carcere. Per il pubblico ministero Barbara Zuin i 367mila euro ricevuti nel 2013, tramite due assegni circolari, erano una tangente. Quest’ultima era stata destinata per comprare un appartamento in via dei Prati Fiscali. Con questa somma Marra avrebbe messo la propria funzione pubblica a servizio dell’imprenditore Sergio Scarpellini, scomparso di recente.

Il Campidoglio riceverà un risarcimento del valore di 100mila euro. Le posizioni dei due imputati erano state scorporate nello scorso mese di luglio. L’imprenditore, gravemente malato, non era in grado di seguire il dibattimento. Scarpellini, infatti, è deceduto il 20 novembre.

Commenta su Facebook
Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.