Legge di bilancio, Di Maio: “Le imprese hanno chiesto di essere ascoltate, faremo di più”

Le parole del Vicepremier e Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, arrivano dopo la manifestazione degli industriali a Torino: "Da parte nostra, non c'è nessuna volontà di non ascoltare le parti sociali".

Luigi Di Maio
Legge di Bilancio, Luigi Di Maio: "Faremo di più".

Legge di bilancio, sembrerebbe che la manifestazione degli industriali a Torino sia riuscita a incidere sulle scelte degli ultimi giorni. Lo conferma anche il Vicepremier e Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, parlando delle ultime modifiche a cui sarà soggetta la Legge di bilancio: “Quando le imprese chiedono ascolto è segnale del fatto che dobbiamo fare di più. Da parte nostra, non c’è nessuna volontà di non ascoltare le parti sociali”. Il Vicepremier ha auspicato anche un governo più aperto all’ascolto del mondo produttivo.

Grazie al dl dignità ci sono 56mila contratti stabili in più

“Io ricordo che grazie al dl dignità ci sono 56mila contratti stabili in più, ma per questo non dobbiamo ringraziare né me né il decreto dignità. Dobbiamo ringraziare le imprese che hanno seguito il percorso indicato dal provvedimento stabilizzando questi lavoratori, anche meno giovani. Le imprese saranno sempre al centro della nostra azione di governo, le sessioni di ascolto si devono intensificare”.

ne parliamo in pausa pranzo

Il tavolo in corso al Mise, con trentasei sigle, continuerà con le parti tecniche in maniera permanente nelle prossime settimane – conclude Di Maio – Questo tavolo doveva essere istituito nel 2011 ma nessuno lo ha mai fatto partire. Stiamo facendo meglio dei nostri predecessori, che lo hanno istituito per legge e mai convocato”.

Commenta su Facebook