Primarie Pd 2019, Smeriglio: “Aperte a sinistra e disgelo con M5S”

Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio, interviene in merito alle prossime primarie del Pd: "E' in corso un tentativo per delegittimare un processo popolare importante".

Congresso Pd, mai così pochi partecipanti
Congresso Pd, mai così pochi partecipanti

Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio e coordinatore di ‘Piazza Grande’ di Nicola Zingaretti, dice la sua sulle prossime primarie del Pd. “E’ in corso un tentativo per delegittimare un processo popolare importante. La primarie possono essere l’innesco di una mobilitazione per rimettere in pista la sinistra e il campo democratico”.

Secondo Massimiliano Smeriglio sarebbe bene che il mondo della sinistra fuori dal Pd partecipasse alle primarie. “Non si capisce perché la sinistra italiana debba consumarsi in lotte clandestine”.

Per quanto riguarda i 5 Stelle, considera: “Nella condizione attuale penso che bisogna proporre un disgelo, verificare se ci sono, qua e là nei comuni, e poi a livello nazionale le condizioni di fare pezzi di strada insieme. Sarebbe anche un modo per rompere il blocco nazionalista e populista cge ha preso in ostaggio il paese”.