Gilet gialli italiani, arrivano le prime proposte

Al primo posto delle proposte spicca l'Italexit, solo al quinto la diminuzione delle accise sul carburante.

Continuano le proteste dei Gilet gialli
Continuano le proteste dei Gilet gialli

I Gilet gialli italiani avanzano le prime proposte. Il loro è un progetto pienamente sovranista. Al primo posto delle proposte da “far votare” alla rete pubblicate oggi sulla sua pagina Facebook, spicca l’Italexit. Segue la lotta alla povertà e dalla tassazione unica al 15%, altresì detta flat tax, già cavallo di battaglia della Lega.

L’onda dei Gilet gialli è arrivata anche in italia. Alla vigilia della temuta manifestazione dei gilet gialli in Francia, i Gilet gialli italiani hanno superato i 7mila seguaci sul social network. Tra gli esponenti del movimento, spiccano l’ex deputato del M5S Ivan Della Valle e Giancarlo Nardozzi, presidente del Goia, un gruppo organizzato dei venditori ambulanti. Tra le proposte le loro proposte, ci sono la promozione delle micro imprese, lo stop alla costruzione di grandi aree commerciali e l’uscita immediata dalla direttiva Bolkestein. Solo al quinto posto la diminuzione delle accise sul carburante, centrale in Francia e all’origine dei primi scontri violenti.

ne parliamo in pausa pranzo
Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.