Congresso Pd: Marco Minniti ritira la sua candidatura alla corsa alla segreteria del Partito

Il ritiro, già nell'aria da qualche giorno, avviene in seguito a un battibecco con Matteo Renzi.

Marco Minniti
Marco Minniti, ex ministro dell'Interno candidato alla segreteria del Pd.

Marco Minniti annuncia il ritiro della sua candidatura dalle primarie del Partito Democratico, che dovranno eleggere il nuovo segretario nazionale. Il ritiro avviene in seguito a un piccante battibecco con l’ex leader del PD Matteo Renzi, di cui Minniti è anche stato Ministro dell’Interno.

La possibilità di un ritiro di Marco Minniti dalle primarie del PD era già nell’aria da alcuni giorni, tanto che alla Camera si era tenuta perfino una riunione dei ‘colonnelli’ dell’area renziana: “Si cerca di ricomporre la situazione”, hanno fatto sapere fonti vicine al partito.

ne parliamo in pausa pranzo

I motivi del ritiro di Marco Minniti

Le motivazio alla base del ritiro di Marco Minniti avrebbe avuto origine in una non adeguata mobilitazione delle truppe da parte di chi avrebbe dovuto sostenere l’ex ministro dell’Interno. In pratica Minniti non avrebbe riscontrato le condizioni promesse nel sostegno alla sua candidatura, soprattutto dalla parte renziana del Pd. “Quando ho dato la mia disponibilità alla candidatura sulla base dell’appello di tanti Sindaci e di molti militanti che mi hanno incoraggiato e che io ringrazio moltissimo, quella scelta poggiava su due obiettivi: unire il più possibile il nostro partito e rafforzarlo per costruire un’alternativa al governo nazionalpopulista – spiega l’ex Ministro-. “Resto convinto in modo irrinunciabile che il congresso ci debba consegnare una leadership forte e legittimata dalle primarie. Ho però constatato che tutto questo con così tanti candidati potrebbe non accadere. Il mio è un gesto d’amore verso il partito“.

 

Commenta su Facebook