Nissan in prima linea nella mobilità a zero emissioni

Le motorizzazioni alternative sono il futuro, di questo sembra essere convinta Nissan, che presenta l'evoluzione del veicolo LEAF

Nissan

L’attenzione nei confronti dell’ambiente è ormai diventato un vero imperativo per tutti noi. E le case automobilistiche, impegnate a realizzare modelli con consumi ridotti e un ridotto impatto non possono essere escluse. Ormai da tempo Nissan è in prima linea in questo ambito con l’immissione sul mercato di veicoli a zero emissioni.

Non è un caso che l’azienda giapponese abbia voluto dare un contributo concreto al Libro sull’Economia Circolare, opera promossa da Start Magazine. L’opera nasce con l’obiettivo di mettere in evidenza i diversi progetti concepiti per ridurre l’impatto ambientale e favorire il recupero delle materie prime. Proprio questa idea è stata la spinta principale per Nissan, una delle prime a puntare in maniera tangibile sulla mobilità elettrica e sull’economia circolare.

La mobilità elettrica è il futuro

La diffidenza che si respirava fino a qualche anno fa nei confronti delle motorizzazioni alternative sembra essere ormai quasi scomparsa del tutto. In tanti stanno iniziando a comprendere i vantaggi della mobilità elettrica, quali efficienza energetica, sostenibilità ambientale, sicurezza ed elevato contenuto innovativo. E a beneficiarne non sarà solo la qualità dell’ambiente circostante, ma anche la possibilità di godere maggiormente delle fonti rinnovabili e di riciclare le materie prime.

In casa Nissan non si può che essere orgogliosi di questo modo di agire: “Nissan guarda da sempre al futuro della mobilità con soluzioni innovative e all’avanguardia. L’impegno per la sostenibilità non è più procrastinabile e la mobilità intelligente, sostenibile, sicura e connessa è oggi l’unica soluzione per dare un contributo alla transizione verso la decarbonizzazione – ha sottolineato il Presidente e Amministratore Delegato di Nissan Italia, l’Ing. Bruno Mattucci -. Il modello circolare di Nissan prevede oggi un’integrazione con le reti elettriche e le smart grid per stabilizzare il sistema con lo scambio energetico. L’energia prodotta da rinnovabili, grazie alle nostre batterie, può oggi essere rivenduta all’energy provider che remunera la componente energetica in bolletta e sconta i consumi dei cittadini” .

Una tecnologia all’avanguardia

La casa automobilstica è artefice della tecnologia “Vehicle-to-Grid (V2G)”, in grado di trasformare il veicolo 100% elettrico Nissan LEAF in una batteria su quattro ruote, consentendo di scambiare energia con la rete elettrica. Tutto questo è possibile grazie il veicolo 100% elettrico Nissan LEAF in una batteria su quattro ruote, consentendo di scambiare energia con la rete elettrica.

Nessun problema per i possessori se si dovesse avere la necessità di ricaricare la batteria. Anzi, questo può essere fatto nel momento in cui il costo è ridotto e la domanda di energia è al minimo.

E non è finita qui. Il ruolo degli automobilisti viene finalmente messo al centro. Questi, infatti, possono auto prodursi l’energia gratuitamente da fonti rinnovabili e rivenderla al distributore energetico quando l’auto e la casa non ne hanno bisogno.

Se ci si dovesse ritrovare a dover sostituire totalmente la batteria non è necessario disperare. In questo frangente è possibile riciclarla per ricavarne materiali di recupero o riutilizzarla per l’accumulo di energia elettrica in case e uffici tramite il progetto denominato xStorage.

Grazie a questa tecnologia la mobilità diventa finalmente più sicura, connessa e sostenibile.