Coronavirus, almeno 1 anno e mezzo per avere un vaccino

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ci vorranno però almeno 18 mesi per sviluppare un antidoto contro il coronavirus. Per garantirne la sicurezza e l'efficacia.

vaccino
vaccino coronavirus

Il punto di partenza nella creazione del vaccino contro la Sars-Cov2 è stata la mappa genetica. Le sequenze genetiche messe a disposizione dalla Cina già il 10 gennaio hanno permesso di sviluppare rapidamente un test diagnostico. Essi hanno dato il via alla corsa all’antidoto in tutto il mondo.

Oms: almeno 18 mesi per il vaccino

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ci vorranno però almeno 18 mesi per sviluppare un antidoto contro il coronavirus. Per garantirne la sicurezza e l’efficacia. Normalmente lo sviluppo del vaccino richiede tra i 2 e 5 anni di tempo.

Ai tempi della Sars, nel 2003, il National Institute of Allergy and Infectious Diseases di Bethesda, nel Maryland, diretto da Anthony Fauci, aveva sviluppato un vaccino contro quella malattia. Passata l’emergenza Sars cessò non vi fu interesse a portare avanti i test.

“Peccato perché se le sperimentazioni fossero terminate oggi ci troveremmo meno impreparati e molto più avanti nelle ricerca di un antidoto efficace dal momento che i due coronavirus condividono l’80% del patrimonio generico”. Commenta l’infettivologo Massimo Galli, primario di malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano.