Manifestazione a Hong Kong: 800mila in piazza

Sono scesi in piazza in 800mila per la prima manifestazione pro-democrazia autorizzata dalla polizia

Proteste Hong Kong
Proteste Hong Kong, Photo by lAI mAN nUNG on Unsplash

Sono scesi in piazza in 800mila nell’ambito della manifestazione e a Hong Kong, per la marcia pro democrazia. Queste le stime degli organizzatori secondo il Civil Human Rights Front.

Si tratta di un evento particolarmente importante perché è il primo di questo genere che è stato autorizzato dalla polizia da agosto. Il coordinatore del Civil Human Rights Front, Jimmy Sham, ha sottolineato come la gente sia arrabbiata, nonostante la vittoria elettorale alle distrettuali del 24 novembre. In quell’occasione, il fronte antogovernativo ottenne il 90% delle preferenze.

Le richieste

Gli abitanti di Hong Kong sono scesi in piazza per portare all’attenzione del governatore Carrie Lam cinque richieste. Innanzitutto, prima tra le richieste è quella del ritiro della riforma della legge sulle estradizioni in Cina. Inoltre, si chiede la fine dell’uso del termine “rivoltosi” ai partecipanti alle proteste. Viene chiesta poi un’indagine indipendente sugli abusi della polizia e il rilascio degli arrestati nelle proteste. Infine, i manifestante chiedono il suffragio universale per la carica di governatore.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.