Greta Thunberg rifiuta premio per l’ambiente e contrattacca: «Non voglio soldi»

Greta Thunberg ha ufficializzato il rifiuto di un premio per l'ambiente del valore di circa 46mila euro. I dettagli sono stati spiegati su Instagram.

Greta Thunberg rifiuta premio per l'ambiente
Greta Thunberg rifiuta premio per l'ambiente (foto AdnKronos - Afp)

Greta Thunberg torna alla ribalta della cronaca. L’attivista svedese di 16 anni, leader di “Fridays For Future“, non ha accettato 46mila euro in vista del riconoscimento del premio “Nordic Council Environmental Award“. La giovane ha spiegato i motivi per i quali non ha inteso ritirare il premio e di fatto anche la somma.

Lotta al cambiamento climatico, Greta Thunberg e i motivi del gesto

La giovane si è così giustificata: «I nostri politici e le persone al potere inizino ad ascoltare la scienza». La lotta ai cambiamenti climatici vede Greta Thunberg al centro di un dibattito che non le ha risparmiato numerose critiche. Una di queste ha riguardato Piero Angela che si è lasciato andare ad alcuni commenti sulla giovane, così come fatto dallo scienziato Antonio Zichichi. La ragazza ha ringraziato gli organizzatori della manifestazione. «Al momento sto viaggiando attraverso la California e perciò non posso essere presente alla premiazione – scrive -. Voglio ringraziare il Nordic Council è un grande onore. Il movimento per il clima non ha bisogno di altri premi bensì che i nostri politici e le persone al potere inizino ad ascoltare la scienza».

«In Svezia si vive come se avessimo 4 pianeti da sfruttare secondo WWF e Global Footprint Network. In Norvegia, ad esempio, il governo ha recentemente rilasciato – dichiara Greta – un numero record di permessi per cercare nuovo petrolio e gas». Secondo quanto riportato dalla “Cnn” la proposta per la candidatura di Greta era stata avanzata proprio da Norvegia e Svezia.

La protesta della giovane ambientalista

Dopo aver rifiutato le 500mila corone svedesi, corrispondenti a circa 46mila euro, ha così concluso: «Apparteniamo alle Nazioni che hanno la possibilità di fare di più. Ci sono Paesi che ancora non stanno facendo niente. Quindi fino a quando queste Nazioni non cominceranno ad agire secondo le indicazioni degli scienziati per limitare l’aumento delle temperature fra 1,5 e 2 gradi centigradi io e Fridays For Future Svezia non accetteremo il Nordic Councils environmental award e nemmeno le 500mila corone svedesi di premio».

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.