Guerra in Siria, la minaccia di Erdogan: «Via i curdi o ripartiamo con l’attacco»

Erdogan terrà a breve un incontro con Vladimir Putin a Sochi (Russia) per parlare della guerra in Siria. A breve scadrà la tregua.

Non si placa la guerra in Siria nonostante la tregua annunciata negli scorsi giorni. Negli scorsi giorni, infatti, alcuni civili sono rimasti uccisi durante un conflitto a fuoco. Il Presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha commentato prima della partenza direzione Russia dove incontrerà Vladimir Putin. L’incontro avverrà a poche ore dalla scadenza della tregua fissata per le ore 22 di martedì 22 ottobre 2019 (le 21 in Italia).

Guerra in Siria, a breve incontro Turchia-Russia

Erdogan si è espresso sulla guerra in Siria: «Sono 700-800 i “terroristi” curdi dello Ypg che dall’inizio della tregua hanno lasciato la zona di sicurezza turca nel nord della Siria. Altri 1.200-1.300 stanno rapidamente lasciando l’area. Stiamo seguendo i loro passi con attenzione, devono andarsene tutti altrimenti riprenderemo l’operazione in modo ancora più determinato». L’attuale capo del Governo in Turchia ha escluso un’estensione della tregua in vista del ritiro dei curdi dal nord del Paese. La richiesta è giunta direttamente dalla Francia con Emmanuel Macron: «La Francia – ha dichiarato Erdogan – non è una nostra controparte in questo processo, sembra che Macron stia cercando di crearsi un ruolo in questo accordo».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.