La Turchia parte con l’attacco, la riposta della Siria: «Siamo pronti a tutto»

La Turchia ha annunciato con Erdogan il via all'operazione nella parte settentrionale della Siria. La tensione tra i due Paesi è alta.

Italia blocca esportazioni d'armi alla Turchia
Italia blocca esportazioni d'armi alla Turchia
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Il Presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato il via alle operazioni delle truppe nel nord della Siria. Secondo il capo turco «la missione è impedire la creazione di un corridoio del terrore lungo il confine meridionale della Turchia, a ridosso della frontiera con la Siria. Bisogna portare la pace nell’area». Lanciata un’offensiva contro il Pkk, i terroristi di Daesh (Isis) e le Ypg. Già negli scorsi giorni era emersa la notizia di una possibile invasione.

La Turchia attacca la parte settentrionale della Siria

L’operazione, dichiara Erdogan, «servirà a neutralizzare le minacce del terrore contro la Turchia. Inoltre potrà portare alla creazione di una zona sicura, a facilitare il ritorno dei rifugiati siriani nelle loro case. Garantiremo l’integrità territoriale della Siria e libereremo le comunità locali dai terroristi». Ovviamente il conflitto ha determinato il panico tra i civili che abitano nelle zone limitrofe e/o circostanti. A tal proposito Mustafa Bali, portavoce delle Forze democratiche della Siria, ha denunciato quanto accaduto: «Gli aerei da guerra turchi hanno iniziato ad eseguire raid aerei su zone abitate da civili. C’è un panico enorme tra gli abitanti della regione».

La posizione della Siria

La Siria, in ogni caso, ha fortemente criticato la scelta annunciando di fronteggiare l’aggressione turca mediante ogni mezzo possibile. Il Ministero degli Esteri ha così commentato: «Condanniamo nei termini più forti le intenzioni di Ankara di lanciare un’offensiva contro le milizie curde. La definiamo una flagrante violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu».

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.