Brexit: nuova proroga per evitare il no deal?

I colloqui riguardanti la Brexit sono a un punto di stallo, e l'ipotesi che circola è quella di una nuova proroga per evitare il no deal

Brexit, schiaffo a Boris Johnson
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Il nodo Brexit continua a creare malumori tra Europa e Regno Unito. I colloqui che si susseguono paiono essere sempre più deludenti, come quello avvenuto l’8 ottobre tra Boris Johnson e il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Il quale, al termine dell’incontro si è detto “dispiaciuto”, perché sulla Brexit non c’è alcun progresso.

Gli avvertimenti sulla Brexit

Ma Sassoli non sembra essere l’unico amareggiato per la piega che sta prendendo la Brexit. Il premier irlandese Leo Varadkar, secondo cui è difficile che si raggiunga un accordo prima del 31 ottobre, ha spiegato che c’è ancora una grande differenza di vedute tra le due parti. Anche se Johnson e Varadkar potrebbero incontrarsi già in settimana.

E intanto, il Guardian avverte: l’Ue potrebbe prorogare la scadenza del 31 ottobre non fino a gennaio, ma addirittura fino all’estate 2020, per poter proseguire i colloqui ed evitare un no deal. Sarebbero al vaglio alcune date, ma la più probabile sembra essere quella del giugno 2020. Secondo il Times, le cose per Johnson potrebbero mettersi molto male in caso di no deal il 31 ottobre. Alcuni Ministri e molti parlamentari conservatori, infatti, sarebbero pronti a dare le immediate dimissioni.

L’ultima possibilità

Intanto, l’unica data ancora possibile per cambiare le cose sembra essere quella del 19 ottobre, quando il Parlamento Uk si riunirà dopo la fine del Consiglio Ue.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.