Brexit, bocciata la mozione di Boris Johnson sulle elezioni anticipate

Situazione Brexit in equilibrio precario dopo che la Camera dei Comuni ha bocciato la mozione del premier Boris Johnson sulle elezioni anticipate

Boris Johnson
Boris Johnson

Boris Johnson sempre più solo sul fronte Brexit, dopo che la Camera dei Comuni ha bocciato la mozione presentata dal premier per la convocazione di elezioni anticipate il 15 ottobre. 293 sì contro 46 no, e molti astenuti, con poche variazioni sui numeri della votazione della scorsa settimana.

Bocciata la mozione di Boris Johnson

Per far poassare la mozione sarebbero stati necessari i due terzai dei voti. Tuttavia i laburisti, con accanto i conservatori dissidenti, hanno confermato il no alle elezioni anticipate. Inoltre hanno chiesto al premier di assicurare che non ci sarebbe stata una Brexit no deal il 31 ottobre, così come richiesto dalla legge appena varata che vieta questa ipotesi.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.