Strage in Nigeria: Boko Haram fa 67 vittime

Strage in Nigeria, dove militanti di Boko Haram hanno sferrato un attacco che ha provocato 67 vittime oltre a circa 10 feriti

Strage in Nigeria
Strage in Nigeria


Almeno 67 persone sono rimaste uccise
in un attacco terroristico avvenuto a Maiduguri, in Nigeria, durante un funerale. Ad agire, secondo la CNN, militanti di Boko Haram. L’attacco sarebbe avvenuto sabato nel corso di un rito di sepoltura e 21 persone sarebbero state uccise a suon di raffiche, mentre altre 46 sarebbero state falciate dal fuoco degli integralisti durante le concitate fasi di inseguimento del commando che si sganciava militarmente dal villaggio individuato come obiettivo.

Strage in Nigeria

La nota sulle modalità è di Muhammed Bulama, presidente dello stato di Borno, nel distretto di Nganzai. Ci sono 10 feriti, sei dei quali ricoverati in ospedale in gravi condizioni. I terroristi di Boko Haram sono fortemente radicati negli gli stati settentrionali della Nigeria.

L’ultimo decennio è servito all’organizzazione per far attecchire cellule dormienti pronte a risvegli repentini ad alto tasso operativo e militare. Il tutto per colonizzare in nome dalla Sharia uno stato enorme, il più popoloso d’Africa, che è diviso fra un nord musulmano ed un sud a trazione cristiana. Secondo la CNN “il gruppo ha bombardato chiese e moschee, rapito donne e bambini e assassinato politici e leader religiosi”. A gennaio, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati “la crescente violenza ha costretto 30.000 nigeriani a fuggire dal Paese per un periodo di due giorni”.

Giampiero Casoni
Giampiero Casoni, 50enne nato a Cassino, è da sempre un cronista di giudiziaria. Ha collaborato ed operato in redazione per Ciociara Oggi, La Provincia, di cui ha curato anche l'edizione nazionale e Provincia quotidiano, che ha recentemente accompagnato in esequie editoriali. Ha partecipato alla fondazione e vita di numerosi free press e pubblicato pezzi per agenzie dell'Alto Casertano aventi a tema soprattutto la camorra aversana. Autore di numerose inchieste sulla camorra domitia dei La Torre, si è cimentato anche con la scrittura, pubblicando romanzi sui clan secondiglianesi e sillogi poetiche. Appassionato di storia e umorista a tempo perso, cura con molta approssimazione e svogliatezza il blog Bignè all'aceto, di cui intende, da qui a qualche secolo, riesumare i fasti potenziali assieme alla compagna, la scrittrice Monia Lauroni, moderna eroina martirizzata dal suo perenne borbottare.