Donna lancia prete giù del pulpito: il video diventa virale

Un video, che ha fatto il giro del mondo, vede un prete in Brasile ricevere uno spintone, da parte di una donna, facendolo così cadere dal pulpito.

Prete giù dal pulpito
Prete giù dal pulpito (foto Youtube)
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Sta diventando virale il video in cui in Brasile una donna fa irruzione alle spalle di un sacerdote che sta officiando messa di fronte a ben 50mila persone e lo spinge giù dal pulpito, facendolo ruzzolare malamente per alcuni metri. È accaduto tutto a San Paolo, dove padre Marcelo Rossi, un prelato molto conosciuto in Brasile per le sue adunate religiose oceaniche, stava celebrando messa. Padre Rossi è molto famoso in tutto il Sud America e soprattutto in ambito carioca: è autore di canzoni religiose (un po’ come i nostri “Gen Rosso”), di cui compone musica e testi, mette in piedi musical e addirittura compare in film a tema.

Prete spinto da una donna in Brasile

Giusto mentre stava celebrando questa sua ennesima adunata mistica una donna gi è arrivata alle spalle e lo ha letteralmente catapultato, spingendolo via con rudezza, giù da pulpito, fra le grida e la costernazione dei (numerosissimi) presenti. Sulle motivazioni che hanno spinto la donna a quel gesto c’è una doppia lettura.

Cosa è accaduto

Da un lato quello spintone sarebbe stato innescato da una frase non precisamente “politically correct” pronunciata dal sacerdote in omelia, cioè che “Le donne grasse non vanno in Paradiso”. Nessuno però ha ancora confermato di aver udito quella frase, eppure di testimoni ce n’erano a iosa, a contare i fedeli presenti.

Dall’altro il gesto sarebbe stato innescato “solo” dal fatto che la donna soffre di disturbi psichici. La prima lettura è quella più inquietante, poco da fare. L’identità della donna non è stata comunque rivelata e la stessa, subito dopo il suo “assalto” è corsa con aria obiettivamente preoccupata a sincerarsi di non aver spedito lei padre Rossi in Paradiso, con quel capitombolo maiuscolo.

Giampiero Casoni
Giampiero Casoni, 50enne nato a Cassino, è da sempre un cronista di giudiziaria. Ha collaborato ed operato in redazione per Ciociara Oggi, La Provincia, di cui ha curato anche l'edizione nazionale e Provincia quotidiano, che ha recentemente accompagnato in esequie editoriali. Ha partecipato alla fondazione e vita di numerosi free press e pubblicato pezzi per agenzie dell'Alto Casertano aventi a tema soprattutto la camorra aversana. Autore di numerose inchieste sulla camorra domitia dei La Torre, si è cimentato anche con la scrittura, pubblicando romanzi sui clan secondiglianesi e sillogi poetiche. Appassionato di storia e umorista a tempo perso, cura con molta approssimazione e svogliatezza il blog Bignè all'aceto, di cui intende, da qui a qualche secolo, riesumare i fasti potenziali assieme alla compagna, la scrittrice Monia Lauroni, moderna eroina martirizzata dal suo perenne borbottare.