Donald Trump contro la criptovaluta di Facebook: “Faciliterà comportamenti illegali”

Donald Trump si lancia contro la criptovaluta lanciata da facebook, Libra. Infatti, secondo il Presidente Usa faciliterà comportamenti illegali

Donald Trump
Donald Trump
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Donald Trump all’attacco di Libra, la criptovaluta proposta da Facebook. La motivazione, per il Presidente Usa è che questa potrebbe facilitare “comportamenti illegali, compreso il traffico di droga e altre attività illecite”. E poi specifica via Twitter: “Non sono un fan di Bitcoin e delle altre criptovalute, che non sono denaro ed il cui valore è altamente volatile e basato sul nulla”. “Se Facebook e altre società vogliono diventare una banca”, ha sottilineato Trump, “devono essere soggette a tutte le regolamentazioni bancarie, proprio come le altre banche, sia nazionali che internazionali”.

Cos’è la criptovaluta Libra

La critovaluta Libra, nei piani di Mark Zuckerberg, dovrebbe entrare in funzione nel 2020, prima sulle piattaforme gestite dalla società e poi come una app autonoma, destinata, spiega Repubblica, ad espandere l’utilizzo anche nella vita di tutti i giorni per transazioni nei negozi. In pratica, una “valuta mondiale parallela”, che potenzialmente potrebbe essere usata ovunque. Alla base di Libra, assett reali, a “bassa volatilità”, come ad esempio “depositi bancari e titoli di Stato a breve termine denominati in valute di Banche centrali stabili e ad alta reputazione”, chiarisce Repubblica sulla base del “white paper” di Menlo Park. In pratica, l’idea è quella di rendere la valuta digitale più sicura ma al contempo facile ed economica.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.