Guerra aperta in Libia, violenti scontri a poca distanza da Tripoli

Guerra aperta in Libia dove la tensione cresce di giorno in giorno. La stabilità politica del Paese è ormai compromessa: la tensione è alle stelle.

Hezbollah minaccia gli Usa e Israele
Hezbollah minaccia gli Usa e Israele (foto di repertorio)

Scontri vicino l’aeroporto di Tripoli (Libia) fra l’Esercito di Khalifa Haftar e le forze del Governo guidate dal Premier Fayez Al Sarraj. La notizia, riportata dall’agenzia stampa Ansa, evidenzia un quadro critico in terra libica. Un tweet di Al Hadath, emittente della rete di Al Arabiya, ha annunciato le problematiche riscontrate nel Paese.«L’esercito comincia ad assaltare l’aeroporto internazionale». Lo scalo è chiuso dal 2015 ed è situato a circa venticinque chilometri dal centro della Capitale.

Grave la situazione in Libia

Il caso della Libia è al centro di un incontro del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Il provvedimento d’urgenza è stato chiesto dalla Gran Bretagna. L’inviato speciale, indicato secondo l’Ansa con il nome di Ghassan Salamè, darà un quadro completo della situazione. Nel frattempo i miliziani hanno preso il controllo di un checkpoint situato nei pressi di Sorman. Durante la rappresaglia sono stati catturati dieci soldati appartenenti alle milizie di Haftar.

Scontro politico che passa sul campo con le armi

«Non credo ci sia una soluzione alla situazione in Libia. Tutto questo – dichiara un portavoce – rischia di provocare non pochi problemi. La politica libica dovrebbe ritenersi la maggiore responsabile del problema. L’interesse nazionale al primo posto ma questa cosa non è accaduta».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.