Auto si incendia con dentro i figli, la madre: “Ho dovuto scegliere quale salvare”

Attimi di assoluto terrore che nessun genitore vorrebbe mai vivere. Una giovane donna ha dovuto scegliere quale tra i suoi figli salvare per primo da un incendio divampato nella sua auto.

La giovane madre che ha dovuto scegliere quale dei suoi figli salvare
La giovane madre che ha dovuto scegliere quale dei suoi figli salvare

Madre va a fare la spesa assieme ai figli, la prima di 3 anni il secondo di 3 mesi. Dopo aver caricato la spesa nel bagagliaio prova a mettere in moto l’auto. Qualcosa non va. L’auto in questione, acquistata poche settimane prima per sole 950 sterline, prende fuoco.

«Più che la paura, la cosa più drammatica di quel giorno è che mi sono ritrovata davanti ad una scelta terribile. Quale dei miei due figli salvare per primo», ha dichiarato la giovane madre.

ne parliamo in pausa pranzo

Auto si incendia con dentro i figli

Appena la donna inserisce la chiave nel quadro del fumo denso si propaga dai pedali. Solo qualche secondo e dalla parte anteriore della vettura sono divampante le fiamme. Feroci e inarrestabili. L’abitacolo si trasforma immediatamente in un inferno. Paura, terrore: i figli della donna sono legati in macchina senza vie di scampo.

Interviene un passante, che versa sulle fiamme della Coca-Cola. Il suo intervento permette alla giovane madre di uscire dall’abitacolo trasformatosi in forno.

La difficile scelta

La bambina più grande era sveglia (e spaventata). Piangeva e gridava. La madre corre quindi prima da lei e la porta in salvo. Il figlio più piccolo dormiva sul seggiolino. La donna, dunque, dopo aver lasciato la figlia nel parcheggio, si precipita di nuovo verso l’auto in fiamme.

Attimi di assoluto terrore che nessun genitore vorrebbe mai vivere. «Cercavo di slacciare le cinture mentre intorno a noi tutto si stava liquefacendo per il calore e c’erano piccole esplosioni, è stato terribile. Siamo scampati alla morte per pochi istanti».

Il guasto al sistema elettrico

L’incendio ha distrutto completamente la macchina. A causare le fiamme, con tutta probabilità, un guasto al sistema elettrico.

La donna e i suoi figli sono rimasti intossicati dopo essere scampati all’incendio. L’azienda che le aveva venduto l’auto ha fornito un rimborso di 300 sterline (circa 400 euro).

Una beffa per la donna e per la famiglia. Nella vettura c’erano molti giocattoli ed effetti personali. «Ho perso tutto e non ho i soldi per ricomprarli. Il supermercato è stato fantastico e disponibile, mi hanno rimborsato interamente il prezzo della spesa bruciata insieme a tutto il resto.»

Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.