Militari italiani in Afghanistan, via entro un anno

Ammonta a quasi 7 miliardi di euro la spesa complessiva sostenuta finora dall'Italia per la missione. I morti italiani in Afghanistan sono stati 54, mentre tutta la coalizione internazionale ha contato più di 3.500 caduti.

Militari italiani
Militari italiani

Militari italiani lasceranno l’Afghanistan entro un anno. Lo riferisce il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta. “Ho dato disposizioni al Coi di valutare l’avvio di una pianificazione per il ritiro del contingente italiano in Afghanistan. L’orizzonte temporale potrebbe essere quello di 12 mesi”. Ammonta a quasi 7 miliardi di euro la spesa complessiva sostenuta finora dall’Italia per la missione. I morti italiani in Afghanistan sono stati 54, mentre tutta la coalizione internazionale ha contato più di 3.500 caduti.

Lo scontro al Governo

Il Ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, ha però già frenato tutto: “Lo sto sentendo ora. Non ne ha parlato con me”Fonti della Lega chiariscono che “al momento nessuna decisione è stata presa” e che si tratta solo di “una valutazione da parte del ministro per competenza”.

Le reazioni politiche

Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri chiede: ‘‘Ma è vero che il ministro della Difesa senza confrontarsi con il Parlamento pensa di azzerare a breve il contingente militare italiano in Afghanistan? Non ci sembra che in quella martoriata parte del pianeta la situazione sia tale da suggerire un disimpegno della comunità internazionale e quindi nemmeno dell’Italia’‘.

Pier Ferdinando Casini scrive invece su Twitter: “Il Ministro Trenta annuncia il nostro ritiro dall’Afghanistan e il ministro Moavero dichiara che non ne sa nulla. Ma in che Paese siamo? Le cose serie, che mettono a repentaglio la vita dei nostri uomini, non possono finire nel ridicolo”.

Usa-talebani, accordo a un passo

L’inviato Usa Zalmay Khalilzad ha intanto già sintetizzato i risultati della maratona di colloqui con rappresentanti dei Talebani. Concordano in linea di principio su una possibile intesa per la pace.

Gli insorti garantiscono che eviteranno l’uso del territorio afghano da parte dei terroristi e gli Usa potrebbero procedere con il ritiro delle truppe da combattimento in cambio di un cessate il fuoco e di colloqui diretti tra i Talebani e il governo di Kabul, con cui il movimento si è sempre rifiutato di negoziare.

Le conferme che arrivano dal diplomatico americano di origini afghane sono la prima svolta dopo anni di tentativi di portare i Talebani al tavolo dei negoziati per porre fine al sanguinoso conflitto in Afghanistan.

L’impegno dell’Italia in Afghanistan

Sono 17 anni che l’Italia è impegnata in Afghanistan. I primi militari del contingente italiano giunsero a Kabul all’inizio del 2002, nella convulsa fase geopolitica seguita all’attentato alle Torri Gemelle.

Il contingente italiano prevede attualmente un impiego massimo di 900 militari, 148 mezzi terrestri e 8 aerei, suddivisi tra personale con sede a Kabul e contingente militare italiano dislocato ad Herat.