Bambino caduto nel pozzo in Spagna: è stato trovato morto il piccolo Julen

Sono stati vani tutti i tentativi di salvare il piccolo Julen, il bambino di due anni caduto in un pozzo domenica 13 gennaio. Nonostante i soccorritori abbiano lavorato ininterrottamente il bimbo è stato trovato morto.

Trovato morto Julen, il bimbo caduto nel pozzo in Spagna
Trovato morto Julen, il bimbo caduto nel pozzo in Spagna

A nulla sono valsi gli enormi sforzi delle squadre di soccorso, profusi negli ultimi 13 giorni. Julen, il bimbo di due anni caduto in un pozzo a Totalán, vicino a Málaga domenica 13 gennaio, è stato trovato morto. “Disgraziatamente…nonostante tanti sforzi da parte di tanta gente, non è stato possibile…#RIPJulen”, si legge in un post su Twitter della Guardia Civil, che rivolge ai familiari “le più sincere condoglianze”.

Il ritrovamento è avvenuto all’1,25 di questa mattina, si legge su El Paìs. Sono ormai passate due settimane di incertezza prima e di delusione poi, per le avverse condizioni delle ricerche.

Le ricerche di Julen

Le ricerche sono iniziate nel pomeriggio di domenica 13 gennaio, e le squadre di soccorso hanno lavorato giorno e notte per trovare il bambino. Julen era caduto proprio quel pomeriggio in un pozzo, costruito illegalmente, di circa 110 metri di profondità e 25 centimetri di larghezza. Non è ancora certo come sia possibile che il bimbo di due anni sia caduto in quel pozzo, ma per appurarlo resta aperta l’inchiesta della Guardia Civil.

Le difficoltà

Le fonti della Guardia Civil hanno riferito che “il terreno non ha aiutato molto“. Gli stessi problemi di durezza della roccia, che si sono avuti durante la perforazione del tunnel verticale attraverso il quale i minatori hanno raggiunto il bimbo, hanno complicato lo scavo della galleria orizzontale che ho usato per trovare il bambino. È stato un lavoro laborioso e pieno di complicazioni perché i soccorritori hanno dovuto andare su e giù in una capsula attraverso il tunnel, secondo quanto riferisce El Periodico.

La famiglia di Julen

I genitori del piccolo, José Roselló e Victoria García, sono conosciuti dai vicini nel quartiere di El Palo, a Malaga, ai piedi delle montagne dove si trova Totalán. Nel 2017 hanno perso un altro figlio, Óliver, morto improvvisamente a 3 anni mentre camminava lungo la spiaggia con i suoi genitori.



Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.