Silvia Romano, la Polizia kenyota: «La ragazza è ancora viva»

Le forze di Polizia del Kenya hanno dichiarato che la giovane cooperante italiana Silvia Romano è ancora viva e non è fuori dai confini del paese.

Silvia Romano
Silvia Romano, cooperante italiana rapita il 20 novembre

La Polizia kenyota ha parlato del caso di Silvia Romano. La volontaria italiana, sequestrata lo scorso 20 novembre a Chakama, un villaggio nel sud del Kenya dove lavorava come cooperante umanitaria, potrebbe essere «ancora viva ed è probabile che non sia stati portata fuori dai confini». A riferire queste informazioni il comandante della polizia della costa Noah Mwivanda al termine di una riunione sulla sicurezza.

Le forze dell’ordine del luogo si dicono fiduciose per la giovane. «Abbiamo informazioni cruciali, che non vi possiamo rivelare, che ci fanno pensare con certezza che Silvia Romano sia ancora viva e che la troveremo. Abbiamo sul campo tutte le risorse necessarie per l’operazione e sappiamo che è ancora in Kenya».

ne parliamo in pausa pranzo

Chi è Silvia Romano

Silvia Romano è una ragazzo di Milano, ha 23 anni e una passione per il mondo dell’Africa. La giovane è un’istruttrice di ginnastica e si è laureata nello scorso mese di febbraio. Nelle settimane precedenti al rapimento era impegnata nella raccolta fondi della “Africa Milele Onlus”. Lo scopo era quello di acquistare una cisterna per il recupero dell’acqua piovana. Il ricavato servirà per la costruzione del tetto di una ludoteca.

Commenta su Facebook
Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.