Gasdotto Israele-Italia, Salvini: “Chiederò di investire nel vostro gasdotto”.

Salvini si rivolgerà alle imprese italiane per spingerle a investire nell'impianto israeliano. Ma parla anche del possibile trasferimento dell'ambasciata a Gerusalemme.

Il Ministro dell?interno Matteo Salvini
Il Ministro dell?interno Matteo Salvini

Matteo Salvini, nella seconda giornata della missione in Israele, ha ventilato l’ipotesi di un gasdotto che da Israele potrebbe arrivare fino al Sud Italia. Il vicepremier italiano, durante la visita al monumento in memoria dell’Olocausto Yad Vashemsi, in compagnia del premier israeliano Benjamin Netanyahu, si muove a tutto campo. Gli impegni politici presi da Salvini sforano sul piano economico e commerciale.

L’ipotesi di un gasdotto tra Israele e Italia

“C’è l‘ipotesi di un gasdotto che aiuterebbe l’Italia e che da Israele potrebbe arrivare fino al Sud Italia – ha annuciato Matteo Salvini in conferenza stampa. “Chiederò alle nostre aziende e imprenditori di cooperare e collaborare. Difendo l’interesse degli italiani. Avere maggiori forniture di gas e una bolletta più bassa è una priorità. Credo in questo progetto, conto che vada avanti con partnership e investimento italiani. Non c’è alcun tipo di impatto ambientale. Non vedo perchè debbano sorgere ostilità. Sono in corso i lavori per la Tap, questo gasdotto andrebbe ad aggiungersi“.

ne parliamo in pausa pranzo

Per quanto riguarda la possibilità di trasferimento dell’ambasciata da Tel Aviv, lascia intendere di essere frenato dall’alleato di governo: “Sapete come la penso: step by step. C’è un governo e devo ascoltare i partner”.

La missione Unifil

Matteo Salvini, infine, lascia da parte il gasdotto e torna sul tema della missione Unifil. Le sue ultimi dichiarazio sugli Hezbollah, definiti terroristi islamici, ha provocato la reazione preoccupata del ministero della Difesa e del comando della missione. Le preoccupazioni vertevano sul fatto che tali dichiarazioni possano mettere a rischio i militari impegnati in libano. “Unifil deve impedire agli Hezbollah di compiere azioni aggressive contro Israele”, ha dichiarato Netanyahu nell’incontro avuto con Salvini da lui definito un amico di Israele. “Ieri abbiamo avuto modo di vedere direttamente i tunnel terroristici scavati dagli Hezbollah sotto al confine. Si tratta di atti evidenti di aggressione contro Israele e le norme internazionali”, ha aggiunto.

 

Commenta su Facebook