Brexit, Juncker: “Non riapriremo accordo di ritiro”

Il Presidente della Commissione Europea torna a ribadire la posizione dell'Ue di fronte agli sviluppi della politica britannica: "Non riapriremo l'accordo di ritiro del Regno Unito dall'Ue".

Jean-Claude Junker
Jean-Claude Junker

La Brexit sarà destinata a essere l’ospite scomodo del prossimo Consiglio europeo. Il Presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, torna a ribadire la posizione dell’Ue di fronte agli sviluppi della politica britannica. Le parole durante la Plenaria del Parlamento Ue sul prossimo Consiglio europeo. “Tutti devono sapere che non riapriremo l’accordo di ritiro del Regno Unito dall’Ue, questo non accadrà”.

“Sono stupito – continua Juncker – perché sulla Brexit ci eravamo messi d’accordo con il governo britannico il 25 novembre. Sembra che ci siano dei problemi di fine corsa. Vedrò il primo ministro Theresa May stasera e devo dire davanti a questo Parlamento, come ho già fatto, questo accordo è il miglior accordo possibile, l’unico possibile. Non c’è alcun margine per una rinegoziazione. Ma naturalmente, questo lasso di tempo, se usato in modo intelligente, può essere usato per chiarimenti e delucidazioni. Abbiamo una comune determinazione a non utilizzare il backstop” la soluzione per evitare il risorgere di un confine fisico tra Irlanda e Irlanda del Nord che molti britannici, a partire dagli unionisti nordirlandesi, vedono come il fumo negli occhi, ma dobbiamo prepararlo comunque, perché è necessario per l’Irlanda. L’Irlanda non sarà mai lasciata sola“.

Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.