Ottobre 20, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Il blogger americano Gabe Pettito è morto soffocato, solo…

La blogger americana di 22 anni Gabrielle “Gabi” Pettito è morta per asfissia tre o quattro settimane prima che il suo corpo venisse ritrovato. Lo ha affermato il medico legale che ha eseguito l’autopsia sul suo corpo.

La famiglia della 22enne Pettito ha lanciato l’allarme all’inizio di settembre dopo che il suo fidanzato, Brian Laundry, con il quale ha fatto un lungo viaggio attraverso il paese, è tornato da solo in Florida all’inizio di settembre. Pochi giorni dopo, l’uomo è fuggito, poco dopo che il corpo della sua ragazza è stato trovato senza vita vicino al Grand Teton National Park nel Wyoming.

Le prime indagini avevano già mostrato la morte di Pettito, ma le indagini hanno dovuto attendere un rapporto finale. Quel rapporto ora conferma che si è trattato davvero di un omicidio e che Pettito è stato soffocato. “La causa della morte è stata soffocamento e omicidio”, ha detto il medico legale Brent Blue in una conferenza stampa.

Indagine dell’FBI

L’ora della morte è stimata in circa tre o quattro settimane prima del ritrovamento del corpo di Pettito, il 19 settembre. Quel momento coinciderebbe grosso modo con l’ultima volta che la donna è stata vista viva con il bucato. Blue ha aggiunto che non poteva fornire ulteriori informazioni perché l’indagine dell’FBI era ancora in corso.

Il bucato non si è ancora presentato. Non era ufficialmente sospettato dell’omicidio, sebbene il pubblico americano lo consideri il sospetto assassino. La polizia e l’FBI lo hanno ora descritto come una “persona di interesse” e hanno cercato a lungo l’uomo per settimane.

READ  È diventata improvvisamente la prima donna afghana a rilasciare un'intervista ai talebani...

Il fatto che il caso di sparizione e successivo omicidio sia stato ampiamente riportato dai media statunitensi e internazionali è stato criticato in quanto si riferisce ancora una volta a un caso che coinvolge una giovane donna bianca, mentre dozzine di casi simili che coinvolgono donne di colore sono difficilmente ripresi dai media.