Le sinistre sono morte

Il risultato di questa notte è eloquente. Johnson domina le elezioni nel Regno Unito conquistando più di 340 seggi. L'avversario, Corbyn, di sinistra solo 203, briciole. Asfaltato.

Il risultato di questa notte è eloquente. Johnson domina le elezioni nel Regno Unito conquistando più di 340 seggi. L’avversario, Corbyn, di sinistra solo 203, briciole. Asfaltato. (Ecco i risultati)

Diciamocela tutta, la vittoria di Johnson era prevedibile, ma quello che destava più dubbi era comprendere di quanti seggi Corbyn avrebbe perso la corsa. E i seggi sono tanti. A questo punto la certezza è che la Brexit si farà.

Era il 23 giugno del 2016 – tre anni e mezzo fa – quando il popolo britannico si è recato alle urne per scegliere se restare all’interno dell’Unione Europea oppure scappare, uscire, togliersi di dosso quell’odiosa maglia azzurra con le stelle a cerchio. 51,89% a favore 48,11% contro. I cittadini del Regno Unito scelsero democraticamente l’uscita dall’UE.

Tre anni e mezzo dopo è ancora tutto fermo, ma dopo questa tornata elettorale c’è ancor di più la forte convinzione, secondo i britannici, che sia la scelta giusta per il loro Paese. Adesso più che mai Johnson ha le carte in regola per portare per mano l’UK fuori dai meccanismi europei mai compresi da una certa politica inglese e non solo.

Oltre a questa evidenza, salta all’occhio una grossa certezza: le sinistre sono morte. In Italia regge, su una gamba sola, un Governo di centrosinistra che, però, se si andasse a votare non avrebbe la maggioranza dei voti secondo i sondaggi. In Francia, Edouard Philippe, il primo ministro in carica è un repubblicano ma cosa non banale, secondo i sondaggi francesi, se si andasse al voto in questi giorni Macron, Presidente della Repubblica Francese sarebbe a contendersi la poltrona con l’estremista Le Pen. E anche in Germania l’equilibrio della Merkel sembra aver concluso la sua era a favore di partiti più conservatori e repubblicani, per così dire. E che dire degli States. Donald Trump è lì, al suo posto. Certo, c’è fermento alla Casa Bianca per la prossima tornata elettorale ma manca ancora un bel po’ al probabile cambio, impeachment permettendo.

Le Elezioni Uk ci hanno consegnato tre grosse verità: la prima. La Brexit si farà davvero e non è stata solo una farsa. La seconda. Le sinistre stanno perdendo consenso politico a discapito dei partiti di destra. La terza. Boris Johnson lascia l’Unione Europea per abbracciare il suo fratello politico, gli Stati Uniti d’America. In questo momento, per i mercati, il peggior nemico dell’Europa.