Razzismo Usa: da Bank of America 1 miliardo di dollari contro disuguaglianze razziali

Bank of America destina 1 miliardo di dollari nei prossimi 4 anni a programmi e imprese che lottano contro discriminazioni e disparità razziali negli Stati Uniti

Da Bank of America 1 miliardo di dollari contro disuguaglianze razziali

Da Bank of America 1 miliardo di dollari contro le disuguaglianze razziali. A segnalare per primo l’impegno del colosso bancario americano è stata la CNN.

Nel dettaglio, i finanziamenti saranno versati gradualmente nel corso dei prossimi 4 anni. Saranno destinati a programmi comunitari e imprese impegnate contro razzismo e disparità socio-economiche su tutto il territorio statunitense.

La mossa di Bank of America segue la scia di proteste innescata dall’uccisione di George Floyd nel corso di un fermo di polizia. L’uomo, un 43enne di Houston, è morto dopo che un agente di polizia ha tenuto il ginocchio sul suo collo per 8 minuti e 46 secondi in totale.

Da Bank of America 1 miliardo di dollari contro disuguaglianze razziali

Il CEO Brian Moynihan ha dichiarato che “le disparità economiche e sociali” si sono aggravate con la pandemia. In più – ha aggiunto nel comunicato stampa che illustra i dettagli della donazione – le proteste su scala nazionale scatenate dalla morte di George Floyd hanno fatto scattare “un senso di vera urgenza”.

“Disparità socio-economiche sono amplificate dall’emergenza sanitaria e dalle manifestazioni di protesta. Ora dobbiamo tutti fare di più”.

La donazione rappresenta di fatto un’estensione a livello di cifre di una serie di finanziamenti che Bank of America abitualmente già destinava a organizzazioni no profit e piccole imprese di settore.

Secondo quanto comunicato, le quote aggiunte serviranno in primis a garantire maggiori servizi sanitari, come ad esempio quelli legati alle vaccinazioni. Spazio poi al supporto di piccole imprese e al reclutamento di nuovi impiegati di banca direttamente da comunità economicamente svantaggiate.

I colossi aziendali a servizio delle minoranze

La donazione ammonta a 250 milioni di dollari l’anno, per i prossimi quattro anni.
Il rapporto di Bank of America con le minoranze è stato molto travagliato negli anni passati. Nel 2013 è stata multata di 2,2 milioni di dollari per aver discriminato i candidati di colore.

Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha sanzionato l’Istituto dopo aver rilevato che oltre 1.100 afroamericani in cerca di lavoro avevano subìto discriminazioni negli uffici dell’azienda a Charlotte, Carolina del Nord, in varie occasioni tra il 1993 e il 2005.

Brian Moynihan, CEO della banca, è solo l’ultima tra le figure ai vertici aziendali a esprimersi pubblicamente sulle proteste in corso in tutti gli USA, e a garantire un impegno concreto in termini economici e sociali. Di recente compagnie del calibro di Intel, Verizon e Peloton hanno annunciato l’avvio di donazioni a organizzazioni orientate alle minoranze.