Miur, bando del concorso docenti per la scuola secondaria entro la fine del 2019

In un'intervista, il Ministro Bussetti ha parlato del bando di concorso del Miur per i posti nella scuola annunciati qualche settimana fa

Miur, concorso docenti
Miur, concorso docenti
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Dopo l’annuncio da parte del Miur di diversi bandi di concorso per i docenti, per la copertura di quasi 70 mila posti totali nella scuola, il Ministro Bussetti, intervistato da Orizzonte Scuola, aggiunge qualche dettaglio. E quello che emerge dall’anticipazione che Orizzonte Scuola ha dato dell’intervista è uno slittamento del bando di concorso per i docenti di scuola secondaria di I e II grado.

Bando Miur per il concorso docenti 2019

La questione principale che emerge è la scelta di diminuire il precariato nella scuola e insieme di dare copertura alle numerosissime cattedre scoperte che ci sono sempre a inizio anno. Proprio a questo mirano le misure proposte dal Miur. Si parla di 17.000 posti nella scuola dell’infanzia e nella primaria, per un concorso che, dice il MInistro “sarà bandito entro l’estate”. “I concorsi per la secondaria, ordinario e straordinario, arriveranno entro la fine del 2019”, dice poi il Ministro, che ribadisce: “Nessuno slittamento. Ma un lavoro costante che stiamo facendo dialogando con le organizzazioni sindacali per tenere conto anche dei docenti che hanno già insegnato nella scuola”.

Vogliamo insegnanti stabili, rassicurati sul proprio futuro, che possano dare continuità agli alunni e alle famiglie. Faremo tutto il necessario“, prosegue il Ministro. “È chiaro che ereditiamo una situazione intricata, effetto di politiche miopi di governi che ci hanno preceduto. Ci vorrà del tempo, ma in un solo anno abbiamo già ottenuto risultati significativi”, sottolinea.

Il problema degli insegnanti di sostegno

Un altro dei problemi su cui si focalizza il Minsitro è quello del personale di sostegno specializzato per gli alunni diversamente abili, che però spesso non riescono ad ottenerlo. Anche su questo il MInistro rassicura: “In tre anni specializzeremo 40.000 nuovi insegnanti sul sostegno per garantire un servizio migliore ai nostri alunni. La scuola deve assicurare la migliore formazione possibile a ciascuno studente“. Bussetti annuncia poi la firma di un decreto per i primi 14 mila posti.

Proseguiremo, nei prossimi due anni, con una precisa programmazione che mette al centro il bene della scuola e degli alunni con disabilità”. E spiega: “Da settembre saranno istituti i GIT, gruppi per l’inclusione scolastica. Saranno 450 docenti distaccati in tutta Italia che affiancheranno la scuola e la famiglia nei processi di inclusione e nella scrittura del PEI”. Una misura, ha affermato Bussetti, che sarà “strutturale e permanente”.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.