Reddito di cittadinanza, al via le chiamate dei centri per l’impiego

La chiamata ai centri per l'impiego, in vista del sussidio del reddito di cittadinanza, comporta delle direttive specifiche da parte del beneficiario.

Reddito di cittadinanza, le chiamate dei centri per l'impiego
Reddito di cittadinanza, le chiamate dei centri per l'impiego
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Sono partite da ieri, lunedì 24 giugno, le convocazioni, con tanto di chiamata, dei centri per l’impiego per coloro i quali hanno ottenuto il reddito di cittadinanza. Saranno in tutto 120mila le famiglie convocate su 480mila beneficiari che già nel mese di aprile hanno ricevuto il sussidio. Questa è la seconda fase che prevede la ricerca del lavoro per coloro i quali stanno beneficiando del reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza, la chiamata dai centri per l’impiego

Diverse telefonate sono già partite nelle scorse ore e tante altre ne arriveranno nelle prossime. Ai beneficiari, in questo caso, sarà comunicata la data di convocazione presso le varie sedi dei centri per l’impiego. Dopo la convocazione si darà il via alla procedura del patto per il lavoro. Qualche ritardo è stato registrato ma non si dovrebbe slittare di molto. I navigator, invece, partiranno da agosto e a luglio sosterranno il corso di formazione che dovrebbe durare due settimane.

Convocazione ai centri per l’impiego, le penali in caso di assenza

I beneficiari non possono non presentarsi agli appuntamenti, pena alcuni provvedimenti che partiranno già dalla prima assenza riscontrata. Previste sanzioni a riguardo e rischio di perdere il beneficio del reddito di cittadinanza. In caso di assenza alla prima convocazione salterà il sussidio per un mese mentre al secondo scatterà la seconda mensilità non pagata. Alla terza mancata convocazione, invece, sarà completamente revocato il sussidio del reddito di cittadinanza. La decurtazione avverrà anche nel caso in cui non si partecipi alle iniziative di orientamento.

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.