Assunzioni Inps 2019, 1000 posti a bando: i requisiti

Nuove assunzioni Inps nel 2019, per incrementare l'organico di 1003 unità grazie a fondi per 50 milioni di euro messi a disposizione dal Decreto Crescita

Nuove assunzioni Inps 2019
Nuove assunzioni Inps 2019
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Per il 2019 sono previste nuove assunzioni all’Inps. A scalzare il tetto dell’organico dell’Istituto Nazionale di Previdenza è un emendamento al Decreto Crescita approvato dalle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera. In questo modo è stata modificata l’attuale normativa dell’Inps che riguardava l’organico dell’Istituto di Previdenza.

Assunzioni Inps 2019, nuove assunzioni

Il problema è che con il Reddito di Cittadinanza l’Inps si è trovato a dover elaborare un gran numero di pratiche. E per poter mantenere l’efficienza dell’Istituto è necessario più personale. Per questo, il Decreto Crescita ha messo a disposizione 50 milioni di euro per incrementare l’organico di 1003 unità.

Bando e requisiti delle nuove assunzioni

Non è previsto nessun bando di concorso per ora, perché a quanto si può capire, l’Inps cercherà il personale mancante nelle graduatorie di concorsi già banditi. In particolare, secondo Today, l’Istituto di Previdenza ha approvato la graduatoria finale e dei vincitori del Concorso per Consulente di Protezione sociale, che copre 967 posti. Dal luglio 2019 si passerà quindi alle assunzioni di tutti i candidati in graduatoria finale.

Per quanto riguarda i posti mancanti a raggiungere le 1003 unità previste, ancora non vi sono notizie certe su come verranno reclutati e su quali siano i requisiti per partecipare ad un ipotetico bando. Ma si può supporre che l’Inps darà al più presto indicazioni.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.