Flat tax per i pensionati che rientrano dall’estero: la proposta della Lega

Novità per la flat tax per i pensionati provenienti dall'estero. I benefici riguarderanno l'imposta che non sarà più per cinque anni ma per quasi il doppio.

Flat tax per pensionati provenienti dall'estero
Flat tax per pensionati provenienti dall'estero
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Modifiche importanti per la flat tax che riguarda i pensionati residenti attualmente all’estero. Il provvedimento prevede che chi vorrà rientrare in Italia potrà farlo e beneficerà di alcune agevolazioni. Nello specifico, infatti, sarà possibile trasferirsi al Sud nelle cittadine fino a 20mila abitanti spostando, quindi, la propria residenza.

Flat tax, cos’è

La flat tax è un meccanismo fiscale in base a cui tutti i contribuenti tasserebbero la base imponibile con la stessa percentuale e non con un’aliquota che cresce all’aumentare del reddito. È da sempre una misura voluta dalla Lega, ma ora sono state introdotte alcune novità con la Legge di Bilancio 2019. I pensionati che si trasferiranno al Sud, in paesi con popolazione inferiore o uguale a 20mila abitanti, potranno usufruire di una flat tax al 7%. La novità, in questo caso, riguarderà anche i pensionati che rientreranno dall’estero, con tanto di benefici.

Flat tax per i pensionati provenienti dall’estero, i benefici

La flat tax del 7% potrà essere utilizzata per nove anni e non più per cinque, come inizialmente previsto dal Decreto fiscale di fine 2018. Le modifiche, nello specifico, sono state approvate alla Camera dalle Commissioni “Finanze e Bilancio” in merito al Decreto crescita. Il sistema è già in vigore in Portogallo infatti diversi pensionati italiani, nell’arco del tempo, hanno deciso di trasferirsi nella nazione lusitana.

Cosa prevede la flat tax per i pensionati che giungono dall’estero

L’aliquota del 7% sarà applicata ai vari redditi prodotti all’estero per i pensionati che negli ultimi cinque anni sono stati prodotti all’estero. L’emendamento è stato proposto dalla Lega guidata da Matteo Salvini. Si passa quindi al benefico della flat tax per i successivi nove anni. Il provvedimento è valido per qualsiasi categoria di pensionati provenienti dall’estero: in questo caso la proposta non prevede alcuna differenziazione nella tipologia di beneficiari (dipendente dall’attività lavorativa svolta).

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.