Concorso docenti Miur 2019: in arrivo il maxi-bando da 70mila posti

Concorso docenti Miur 2019: il Ministero dell'Istruzione Bussetti ha annunciato un maxi-bando per circa 70mila posti nella scuola tra docenti di scuola secondaria e primaria

Concorso docenti miur 2019
Concorso docenti miur 2019

Concorso docenti Miur 2019: il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e le sigle sindacali hanno raggiunto un’intesa per un maxi-bando che farà entrare nella scuola circa 70mila nuovi docenti. “Questo Governo sta mostrando grande attenzione verso il comparto dell’Istruzione. L’accordo di oggi ne è ulteriore riprova”, ha sottolineato il Ministro.

Nei prossimi mesi dunque sarà attivato un percorso (PAS) abilitante per i docenti che hanno già lavorato tre anni nella scuola. Inoltre saranno istituiti due bandi di concorso da 24mila posti ciascuno. Il primo è rivolto agli insegnanti della scuola secondaria che abbiano almeno tre anni di servizio, il secondo a coloro che abbiano i requisiti necessari per accedere alla classe di concorso per l’insegnamento. A questi si aggiungeranno altri 17mila posti destinati alla scuola primaria e dell’infanzia.

Concorso docenti Miur 2019, i bandi e date

Il Ministro Bussetti ha quindi annunciato bandi di concorso per circa 70mila posti nella scuola. Sulle date si sa ancora poco, se non che le procedure saranno avviate “nei prossimi mesi”, ma è sicuramente un primo passo verso i nuovi concorsi.

Pas

Il percorso abilitante sarà pensato per quei docenti che hanno almeno tre annualità di servizio, sia nelle scuole statali sia in quelle paritarie, nei percorsi di formazione professionale e potrebbe essere esteso anche ai dottori di ricerca. Secondo OrizzonteScuola, il PAS sarà attivato entro e non oltre il 2019, e verrà articolato su più cicli annuali.

Concorso docenti Miur 2019 scuola secondaria

Il primo tra i due concorsi che ha annunciato il Miur è destinato a sanare la difficoltosa situazione del precariato nella scuola, che è “giunto ormai a livelli esponenziali che rischiano di mettere in difficoltà il funzionamento del sistema, proprio perché negli ultimi anni sono mancati una seria programmazione ed interventi adeguati”. Per questo, nei prossimi mesi il Miur bandirà un concorso per 24mila posti nelle scuole secondarie.

Requisiti

Il concorso è rivolto ai docenti che abbiano svolto tre anni di servizio nelle scuole statali negli ultimi otto anni. Come requisito specifico, è necessario aver svolto almeno un anno di servizio nella classe di concorso per la quale si vuole concorrere.

Le prove

Per questo concorso docenti straordinario sono previste due prove. La prima sarà computer based, a cui seguirà un colloquio orale che però servirà solo per migliorare la propria posizione in graduatoria. Nella compilazione della graduatoria verrà data una particolare valorizzazione al servizio già prestato nella scuola. Tutti i vincitori del concorso riceveranno automaticamente l’abilitazione all’insegnamento.

Concorso docenti ordinario

Oltre al concorso docenti straordianario, il Miur ha deciso di bandire un concorso ordinario per altre 24mila posizioni nella scuola secondaria. Il bando sarà rivolto a tutti i laureati che vogliano insegnare nella scuola secondaria e che siano in possesso dei requisiti necessari.

Requisiti

I requisiti per accedere al concorso sono quelli previsti dalla disciplina vigente, fra cui figurano i “24 crediti formativi in ambito antropo-psico-pedagogico e metodologie e tecnologie didattiche”. In particolare si dovrà essere in possesso dell’ abilitazione specifica sulla classe di concorso. In alternativa bisognerà avere una laurea con un piano di studio completo per la classe di concorso a cui si vuole accedere, che comprenda anche i 24 cfu.

Concorso docenti Miur 2019 per la scuola primaria

Il Ministro dell’Istruzione Bussetti ha annunciato che a questi concorsi per i docenti della scuola secondaria si aggiungerà poi un ulteriore concorso per i docenti della scuola primaria e dell’infanzia, che metterà a disposizione altri 17mila posti, nei prossimi mesi.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.