Concorso polizia 2019, esclusi ancora gli idonei non vincitori

Dopo aver stravolto i requisiti di un concorso già concluso, ora si vengono dimenticati a casa anche gli idonei non vincitori del concorso del 2018. E viene bandito un nuovo concorso.

Aspiranti poliziotti esclusi dal concorso
Gli allievi agenti della Polizia di Stato esclusi dal concorso.

Concorso polizia 2019, esclusi ancora gli idonei non vincitori

 
 
00:00 /
 
1X
 

Con quale criterio vengano banditi i concorsi al Ministero dell’Interno, da quando è guidato da Matteo Salvini, non è dato capirlo. Dopo aver stravolto i requisiti di un concorso già concluso per allievi agenti della Polizia di Stato e non aver fatto scorrere la graduatoria per i 61 militari idonei non vincitori del concorso in Polizia del 2017, ora si vengono dimenticati a casa anche gli idonei non vincitori del concorso del 2018. E, neanche a dirlo, viene bandito un nuovo concorso, riservato ai militari.

La testimonianza di un escluso

“Io e altri abbiamo partecipato, nel 2018, a un concorso riservato ai militari in servizio e a militari in congedo. Siamo risultati idonei non vincitori e attualmente ci troviamo in una posizione scomoda, poiché è stato appena bandito un nuovo concorso riservato ai militari, proprio lo status che noi già avevamo. Non riusciamo a spiegarci perché sia stato bandito un nuovo concorso, invece di prendere gli idonei dalla nostra graduatoria. Si poteva assumere noi e bandire un concorso per un numero di posti.”

“Non riusciamo ha capire le motivazioni di questa scelta. E non riusciamo a capire perché il Ministero dell’Interno non ci abbia dato una spiegazione. Abbiamo provato a chiedere direttamente al Ministero ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta. Al contrario, parlando con i sindacati, abbiamo ricevuto risposte discordanti tra loro“.

“Noi siamo tutti ragazzi che facciamo sacrifici ogni giorno e vogliamo continuare la nostra carriera militare nella Polizia di Stato. Noi ci stiamo muovendo attraverso i social per contattare i Sindacati e le varie testate giornalistiche per fare sentire la nostra voce. Alcuni hanno già presentato ricorso, ma sono procedure molte lunghe“.

Le risposte dalla politica

“Non abbiamo ricevuto nessuna risposta dalla politica. Addirittura, Giulia Buongiorno, Ministro della pubblica amministrazione, ha dichiarato che bisognerebbe sospendere le graduatorie degli idonei non vincitori per il 2019. Ma questa dichiarazione entra i conflitto con le regole del nuovo bando, che dice che gli idonei non vincitori di questo nuovo concorso potranno essere disponibili per assunzione nel 2020”.

ASCOLTA LA TESTIMONIANZA DI UN ESCLUSO.

Ne parliamo in pausa pranzo del 7 giugno 2019
Fabrizio Capecelatro
Sono nato a Milano nell’emblematica data 09/09/90. Napoletano di origini e di "spirito", è alla città partenopea che rivolgo gran parte della mia attenzione di giovane giornalista. Sono autore dei libri "Lo Spallone – Io, Ciro Mazzarella, re del contrabbando", edito da Mursia nel 2013; "Il sangue non si lava – Il clan dei casalesi raccontato da Domenico Bidognetti", edito da ABEditore nel 2017, e "Omissis 01 – La vera storia di Rosa Amato: camorrista per vendetta, pentita per amore", edito da Tralerighe nel 2018.