Flat tax famiglie e imprese: cos’è, a chi spetta e costi

Flat Tax, cos'è, a chi spetta e i costi: tutte le novità della misura voluta dalla Lega di Matteo Salvini, e su cui ancora si discute

Matteo Salvini
Matteo Salvini manda una direttiva da Viminale intimando alle forse dell'ordine e ai militari di assicurarsi che la nave mare Jonio rispetti le norme sul salvataggio in mare. Ma ciò ha creato tensioni con le Forze Armate
Clicca qui per ascoltare l'articolo

La Flat Tax per famiglie e imprese è una delle battaglie della Lega, come il Reddito di Cittadinanza lo è per il Moviemento Cinquestelle. Gli alleati di governo ne stanno discutendo con toni accesi, ma non è sempre ben chiaro cos’è realemente la Flat Tax, a chi spetta e quali sono i suoi costi.

Cos’è

La flat tax è un meccanismo fiscale in base a cui tutti i contribuenti tasserebbero la base imponibile con la stessa percentuale e non con un’aliquota che cresce all’aumentare del reddito. E’ da sempre una misura voluta dalla Lega, ma ora sono state introdotte alcune novità con la Legge di Bilancio 2019.

A chi si spetta

La Flat Tax si applica al lavoratori con partita Iva che abbiano un reddito imponibile fino a 65 mila euro e alle famiglie il cui reddito imponibile deve essere calcolato sui redditi totali e non individuali. Non è ancora chiaro se la Flat tax per le famiglie partirà già dal 2019 o dal 2020.

Flat tax per le imprese

La Legge di Bilancio prevede che nel 2019 la Flat Tax venga avviata con una sola aliquota al 15% per i redditi fino a 65 mila euro per i lavoratori autonomi e professionisti. Nel 2020 partirà una seconda aliquota al 20% per i redditi da partita Iva da 65 a 100 mila euro. Chi apre una nuova partita Iva avrà un prelievo fiscale del 5% per i primi cinque anni se si dimostri che la nuova attività non è il proseguimento di una avviata in precedenza.

Flat tax pensionati

I pensionati che si trasferiranno al Sud, in paesi con popolazione inferiore o uguale a 20mila abitanti potranno usufruire di una Flat Tax al 7%.

Flat tax famiglie

Per le famiglie, in particolare sono previste diverse aliquote. Al 15% per i redditi inferiori a 50mila euro, al 20% per redditi superiori a 50mila euro, e tra il 23 e il 33% per redditi fino a 80mila euro. Per garantire la progressività della tassa, che è un principio costituzionale (art. 53), è previsto anche un pacchetto di deduzioni da 3000 euro.

Costo

Secondo la proposta della Lega, la Flat Tax costerebbe 12 miliardi nel 2020, a spese però del bonus da 80 euro di renziana memoria, da 10 miliardi all’anno. A far quadrare i conti ci sta pensando Armando Siri, che deve trovare un bilanciamento tra le due misure.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.