Oscar, tutti i vincitori: Parasite e Joaquin Phoenix in trionfo

Parasite e Joaquin Phoenix sono i trionfatori della notte degli Oscar 2020, già nella storia. Per la prima volta in assoluto un film non in lingua inglese è stato premiato con il massimo riconoscimento nel corso della kermesse.

Joker
Joker

Parasite e Joaquin Phoenix sono i trionfatori della notte degli Oscar 2020. E’ già nella storia. Per la prima volta in assoluto un film non in lingua inglese è stato infatti premiato con il massimo riconoscimento nel corso della kermesse. Un segno quindi dei tempi.

La notte degli Oscar

Parasite del regista sudcoreano Bong Joon-ho, già vincitore a Cannes, ha chiuso come miglior film in assoluto. Ma si è portato a casa altre tre statuette. Sono infatti miglior sceneggiatura non originale, miglior film internazionale e miglior regia. Il miglior attore protagonista è stato invece Joaquin Phoenix per il suo ‘Joker’. La miglior attrice protagonista poi è Renée Zellweger con ‘Judy’. Premiato infine come miglior attore non protagonista Brad Pitt, per ‘C’era una volta a… Hollywood’.

Tutti i vincitori

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE – Bong Joon Ho, Han Jin Won, Parasite

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE – Take Waititi, Jojo Rabbit

MIGLIOR FOTOGRAFIA – Roger Deakins, 1917

MIGLIOR FILM STRANIERO – Parasite

MIGLIOR COLONNA SONORA – Hildur Guðnadóttir, Joker

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE – (I’m Gonna) Love Me Again, Elton John, Rocketman

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO – Le Mans ’66: la grande sfida

MIGLIOR SONORO – 1917

MIGLIOR SCENOGRAFIA – C’era una volta a… Hollywood

MIGLIORI COSTUMI – Piccole donne

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA – Bombshell

MIGLIOR DOCUMENTARIO – American factory

MIGLIOR CORTO ANIMATO – Hair love

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE – Toy story 4

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI – 1917

MIGLIOR MONTAGGIO – LE Mans ’66 – la grande sfida

MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO – Learning to skateboard in a warzone (if you’re a girl)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO – The neighbors’ windows

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.