Festival di Sanremo 2019, Baglioni: “Non parleremo di politica”

Il Direttore artistico ha risposto in conferenza stampa alle domande su possibili incursioni della politica sul palco del Teatro Ariston di Sanremo.

Festival di Sanremo 2019, per Claudio Baglioni “non sarà un Festival politico”. Poi continua: “A meno che non accadano a mia insaputa delle cose”. Il Direttore artistico ha così risposto in conferenza stampa alle domande su possibili incursioni della politica sul palco del Teatro Ariston di Sanremo. “Nella parte intrattenimento vincerà la leggerezza”, continua. “Dovrebbe essere il festival dell’armonia”.

Baglioni scherza anche sulle polemiche che hanno anticipato il festival parlando della presenza nella prima serata di Andrea Bocelli e del figlio Matteo. “Dopo il conflitto d’interessi, domani avremo anche un episodio di nepotismo, perché Bocelli investirà come suo successore il figlio Matteo. Con Bocelli – spiega – canteremo ‘Il mare calmo della sera’. Per me saranno cavoli amari perché dovrò cantare nella tonalità di Andrea”.

Infine, dopo che qualcuno gli ha chiesto cosa canterà con Giorgia (altra ospite della prima serata), Baglioni risponde: “Lasciatecela qualche sorpresa in canna… Si può dire canna?”.

Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.