Vladimir Luxuria progatonista “Alla Lavagna” su Rai 3 si difende dalle accuse omofobe

Vladimir Luxuria, dopo la puntata di "Alla Lavagna", in onda su Rai 3, si difende dalle accuse omofobe. Continuano le polemiche sulla questione trans.

Vladimir Luxuria
Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria ha commentato le polemiche seguite dopo la messa in onda della puntata di “Alla Lavagna” andata in onda sabato in seconda serata. «Non ho fatto alcuna lezione su come si diventa trans perché anzi ho cercato di spiegare che si nasce gay o trans. Ho parlato soprattuto di bullismo. Ma queste polemiche dimostrano che i bambini sono molto più avanti di certi adulti».

Vlamidir Luxuria si difende dalle accuse

«Questo programma – confessa Luxuria – è stata una delle cose più belle che ho fatto nella mia vita. I bambini erano vigili, curiosi, attenti e pieni di domande. E io, come faccio anche nella vita quotidiana, ho risposto a tutto, sempre con tatto e credo con intelligenza. Anche perché, se non si danno risposte ai bambini, loro ti guardano con diffidenza e cercano risposte altrove, magari sul web, dove possono trovare risposte non proprio raccomandabili, aggiunge l’ex parlamentare, sottolineando che tutti i genitori dei bambini presenti in trasmissione avevano dato il consenso alla puntata con me e alla fine si sono complimentati per come era andata».

Condannare i commenti omofobi

«Eppure – commenta Luxuria – ancora questa mattina ho letto sulla stampa commenti in malafede, che istigano all’omofobia. Ecco: gay o trans si nasce ma omofobi si diventa per le paure che vengono provocate con certi commenti. Quei commenti da cui trapela che, in fondo, se sei gay o trans ti meriti una vita infelice e magari pure gli insulti o le botte».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.