Oscar 2019: è polemica sui tweet omofobi di Kevin Hart

Polemica sui tweet omofobi dell'attore.

Kevin Hart
L'attore statunitese ha rinunciato a condurre la cerimonia degli Oscar

Kevin Hart non condurrà la cerimonia degli Oscar 2019.  L’attore statunitense è stato travolto dalla polemica per i suoi passati twitter omofobi. “Ho preso la decisione di non presentare gli Oscar di quest’anno … Non voglio essere una distrazione in una serata che deve essere celebrata da così tanti artisti incredibilmente talentuosi”, ha twittato Hart. “Mi scuso sinceramente con la comunità Lgbtq per le mie parole insensibili in passato”, ha aggiunto.

Le ‘dimissioni’ di Hart arrivano dopo solo due giorni dalla diffusione della notizia che avrebbe condotto la cerimonia degli Oscar, in programma per il 24 febbraio a Los Angeles.

Le polemiche

Dopo quell’annuncio, diversi utenti di Twitter hanno richiamato l’attenzione su alcuni tweet scritti da Kevin Hart tra il 2009 e il 2011. Secondo ‘The Hollywood Reporter’  i tweet sarebbero stati successivamente cancellati. Nel 2011, ad esempio, l’attore aveva scritto: “Se un giorno mio figlio tornasse a casa e cercasse di giocare con la casa delle bambole di mia figlia, gliela romperei sulla testa e gli direi: ‘Fermo, questa è una cosa da gay'”. Hart avrebbe anche usato diverse volte le parole ‘homo’ e ‘frocio’, una scelta lessicale considerata offensiva negli States. Mi dispiace di aver fatto del male alle persone… Mi sto evolvendo e voglio continuare a farlo. Il mio obiettivo è unire le persone, non separarle”, ha ribadito ora l’attore su Twitter, indirizzando “molto amore e gratitudine” all’Hollywood Academy. Solo un’ora prima, tuttavia, Hart aveva postato su Instagram un video in cui si rifiutava di scusarsi quando l’Accademia di Hollywood gli aveva chiesto di farlo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.