Suona Chopin a 5mila metri d’altezza: i fondi del concerto per la ricerca sulla fibrosi cistica

La cantante ha suonato a circa 5mila metri d'altezza, sull'Himalaya, raggiungendo il record d'altitudine. Il ricavato del concerto in favore della ricerca.

Clicca qui per ascoltare l'articolo

Evelina De Lain ha ottenuto il record per aver eseguito un concerto ad altissima quota. Grazie al supporto di un team specializzato, la cantante 41enne ha potuto trasportare un pianoforte sino al passo Singela sull’Himalaya. L’altezza è di circa 5mila metri. L’esibizione è durata novanta minuti: la pianista ha eseguito diverse brani tratti dal suo album “Soul Journey” oltre a il “Notturno” di Fryderyk Chopin. Grazie al concerto è stato possibile raccogliere dei fondi a sostegno dei malati di fibrosi cistica. Il piano, invece, è stato donato a una scuola del posto. 

Concerto ad alta quota sulle note di Chopin

La pianista, quattordici anni fa, aveva perso la capacità di muovere le dita delle mani a causa di una lesione da sforzo ripetitivo. Un lavoro di riabilitazione terapeutica le ha permesso di tornare a suonare. «Fino a qualche anno fa – ha spiegato ai giornalisti la musicista – non avrei mai pensato di tornare a suonare il piano, né di esibirmi ad alta quota». 

Chi è Evelina De Lain

Eveline De Lain è una musicista, nonché compositrice, con un repertorio multiforme e variegato. I suoi pezzi vanno dalla musica classica a quella contemporanea. Non manca, inoltre, l’interpretazione jazzista con uno stile innovativo.
Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.