Premio Strega 2019, candidati: ecco gli autori e i titoli

Premio Strega 2019: ecco gli autori e i titoli che si contenderanno la vittoria

Ecco i titoli candidati al Premio Strega 2019
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Sono stati annunciati con una conferenza stampa a Roma, il 17 marzo, i 12 libri finalisti del Premio Strega 2019. A comunicare i titoli che concorreranno per la 73esima edizione del Premio è stato il comitato direttivo, presieduto da Melania Mazzucco.

Titoli e autori


Questi sono i titoli, le case editrici e chi li ha proposti:

Valerio Aiolli, Nero ananas (Voland), proposto da Luca Formenton
Paola Cereda, Quella metà di noi (Perrone), proposto da Elisabetta Mondello
Benedetta Cibrario, Il rumore del mondo (Mondadori), proposto da Giorgio Ficara
Mauro Covacich, Di chi è questo cuore (La nave di Teseo), proposto da Loredana Lipperini
Claudia Durastanti, La straniera (La nave di Teseo), proposto da Furio Colombo
Pier Paolo Giannubilo, Il risolutore (Rizzoli), proposto da Ferruccio Parazzoli
Marina Mander, L’età straniera (Marsilio), proposto da Benedetta Tobagi
Eleonora Marangoni, Lux (Neri Pozza), proposto da Sandra Petrignani
Cristina Marconi, Città irreale (Ponte alle Grazie), proposto da Masolino d’Amico
Marco Missiroli, Fedeltà (Einaudi), proposto da Sandro Veronesi
Antonio Scurati, M. Il figlio del secolo (Bompiani), proposto da Francesco Piccolo
Nadia Terranova, Addio fantasmi (Einaudi), proposto da Pierluigi Battista.

La scelta della giuria

Si tratta di libri scelti tra 57, che la storica giuria, Gli Amici della Domenica, avevano proposto. I dodici libri di narrativa sono stati scelti tra i cinquantasette che avevano proposto gli Amici della domenica, il nucleo storico della giuria. Un totale di 660 votanti sceglieranno poi i finalisti, che verranno proclamati mercoledì 12 giugno nel Tempio di Adriano – Camera di Commercio di Roma. Il titolo vincitore del Premio Strega 2019 proclamato il 4 luglio nel Ninfeo del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.