Premio Oscar: caratteristiche e origine della statuetta più ambita

La statuetta, alta circa 34 centimetri e con un peso di 4 chili, rappresenta un cavaliere, che si trova sotto una bobina formata dalle cinque sezioni dell'Academy

premio Oscar
Foto: Pixabay

E’ la notte delle grandi stelle, quando il grande cinema elegge i migliori e chi sta davanti o dietro la macchina da presa sogna di poter ricevere il riconoscimento che premia il proprio lavoro: questa è la cerimonia in cui vengono consegnati gli Oscar, la celebre e ambita statuetta, che non può che rappresentare un grande traguardo per chi opera nel settore.Tutta l’America si ferma per seguire l’evento, ma non solo. Ormai anche in Italia non è così difficile seguire il mnomento in diretta e vivere appieno le emozioni dei protagonisti.

Proprio pochi giorni fa è venuto a mancare a 103 anni Kirk Douglas, che aveva festeggiato il compleanno lo scorso 9 dicembre, diventando il più anziano premio Oscar vivente. L’attore aveva conquistato l’onorificenza onoraria nel 1996: tra le decine di film il ruolo più noto è probabilmente in Spartacus di Stanley Kubrick del 1960.

Un simbolo ben preciso

Decisamente in più di un’occasione ci è capitato di vedere un attore o un regista esultare mentre aveva l’Oscar tra le mani, ma quasi certamente pochi conoscono le caratteristiche di questa ambita statuetta. Questa, infatti, riproduce le fattezze di un cavaliere, che ha sotto i suoi piedi una bobina cinematografica divisa in cinque raggi. Una scelta chiara, perché sta a indicare le sezioni dell’Academy: attori, registi, produttori, tecnici e scrittori.

La sua superficie è durata e presenta all’esterno 24 carati, ma all’interno è costituita da bronzo.

Probabilmente però solo i più esperti potranno ricordare il diverso materiale utilizzato a cavallo della Seconda guerra Mondiale. In quel periodo era particolarmente difficile riuscire a recuperare metalli così pregiati e così, pur non rinunciando all’organizzazione della cerimonia, si era costretti a ripiegare su qualcosa di più semplice, ovvero malta e gesso. Si era trattato comunque di una stuazione solo momentanea: una volta risolta quella fase, infatti, si è provveduto alla sostituzione.

Anche le dimensioni dell’Oscar devono essere ben precise: l’altezza è intorno ai 34 centimetri, all’incirca simile a una bottiglietta d’acqua, mentre il peso è di 4 kg. Numeri insomma piuttosto imponenti.

Una storia importante

La storia dell’Oscar sta ormai diventando sempre più lunga e non manca poi molto a raggiungere il traguardo del secolo. A confermarlo è il sito dell’Academy, che dà indicazioni ben precise: dalla sua nascita sono state ben 3.140 le statuette consegnate, a cui si aggiungeranno quelle di quest’anno.

Avere un’indicazione davvero precisa appare comunque piuttosto complesso. Al momento le categorie che prevedono l’assegnazione sono 25, ma spesso un vincitore può essere costituito da più persone.

Il “padre” della statuetta

Le caratteristiche della statuetta attuale devono essere attribuite a quello che era un tempo il direttore della Metro Goldwyn-Meyer, Cedric Gibbons. A scolpirlo è stato invece un artista di Los Angeles, George Stanley, ritenuto il padre anche della statuetta che ritrae l’Hollywood BowL.