Premi Oscar 2019, vince Green Book. Malek miglior attore, Colman migliore attrice

"Green Book" ha vinto il Premio Oscar come miglior film. Diversi riconoscimenti per "Bohemian Rhapsody" e "Roma" di Alfonso Cuaron.

Malek attore protagonista agli Oscar
Diverse conferme e qualche sorpresa per i Premi Oscar assegnati a Los Angeles
Clicca qui per ascoltare l'articolo

La cerimonia per la consegna dei Premi Oscar 2019 si è aperta con i Queen che hanno accesso il Dolby Theatre di Los Angeles. Omaggio a Freddie Mercury con il film “Bohemian Rhapsody“. Nessun conduttore al timone per la notte degli Oscar.

I Premi Oscar

A ricevere il maggior numero di statuette è stato il film che racconta la storia di Mercury: miglior attore protagonista con Rami Malek, miglior montaggio a John Ottman, miglior Sound Mixing al trio Casali, Cavagin e Massey oltre al miglior sonoro a Nina Hartstone e John Warhurst.

“Green Book” è il miglior film

La pellicola di “Green Book” si aggiudica il riconoscimento come miglior film. La storia di una profonda amicizia che tratta tematiche come inclusione razziale e fratellanza. Miglior attore non protagonista è Maherhshala Ali che ha dedicato la vittoria alla sua nonna. La migliore sceneggiatura originale è andata a Currie, Farrelly e Vallelonga.

Sugli scudi “Roma”

La pellicola “Roma“, miglior film straniero, conquista anche i riconoscimenti come miglior regia e migliore fotografia. BlackKkKlansman ha invece vinto l’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale. La migliore attrice protagonista è Olivia Colman in “La Favorita” che ha avuto la meglio sulla candidata numero uno Gleen Close con “The Wife”.

A “Black Panther” il Premio come migliore scenografia. I migliori costumi a Ruth Carter mentre la migliore colonna sonora a Ludwig Goransson. Miglior canzone originale per “A Star is Born” scritta da Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt e interpretata da Bradley Cooper e Lady Gaga.

Gli altri riconoscimenti

Oscar come miglior trucco a Biscoe, Cannom e DeHaney per “Vice – L’uomo nell’ombra” di Adam McKay. Oscar migliori effetti visivi a Paul Lambert, Ian Hunter, Tristan Myles e J.D. Schwalm per “First man – Il primo uomo”. Oscar come miglior documentario a “Free Solo” di Elizabeth Chai Vasarhelyi e Jimmy Chin. Oscar per il miglior film d’animazione a “Spider-Man – Un nuovo universo” di Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman.

Riconoscimento come miglior corto d’animazione a “Bao” di Domee Shi. Miglior cortometraggio documentario a “Period. End of Sentence” di Rayka Zehtabchi e Melissa Beron. Chiude il miglior cortometraggio a “Skin” di Guy Nattiv.

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.