Lo streaming online: come funziona e quali servizi lo sfruttano

Grazie allo streaming è possibile usufruire di contenuti video, audio e live in tempo reale, senza dover necessariamente scaricare applicazioni ma semplicemente iscrivendosi alle piattaforme ospitanti. La diffusione dei servizi che sfruttano questa tecnologia è decisamente in crescita: solamente nel primo trimestre del 2020, Netflix, piattaforma di streaming di serie TV e film, ha visto la propria base di utenti  crescere di 15 milioni circa, arrivando a toccare i 182,9 milioni di iscritti in tutto il mondo. E la tendenza non accenna a diminuire: di seguito vengono presentati i servizi più gettonati che fanno uso di questa tecnologia e il modo in cui la utilizzano a loro favore.

Streaming e intrattenimento: le piattaforme online più popolari

Lo streaming online è una notevole comodità in numerosi settori. Per quello dei contenuti video rappresenta sicuramente un vantaggio: basta iscriversi alla piattaforma desiderata per ottenere l’accesso all’intero catalogo di film e serie TV presenti online. Ciò permette di selezionare il contenuto da guardare e far partire la trasmissione nel giro di pochi secondi, senza doverlo acquistare presso servizi come iTunes (per chi usa il sistema operativo iOS), in formato digitale o come DVD e blu-ray. Il vantaggio perciò non risiede solamente nella praticità delle piattaforme di streaming video online, ma anche nella riduzione dei costi in generale a fronte di una contenuta cifra mensile corrisposta come abbonamento. Per quanto riguarda il mondo dell’intrattenimento, l’utilizzo più interessante dello streaming è quello portato avanti dai migliori casino live, in grado di far vivere all’utente un’esperienza di gioco simile a quella provata dal vivo: grazie al live streaming è possibile confrontarsi in tempo reale con i croupier e con gli altri giocatori, come in un casinò tradizionale, con la differenza fondamentale di giocare comodamente seduti dal divano di casa propria, sui mezzi o in qualsiasi altra situazione, grazie semplicemente a una connessiona internet e un dispositivo mobile.

Il caso dello streaming audio: brani musicali e podcast in tempo reale

Quando si parla di streaming audio, i servizi che più lo sfruttano sono piattaforme online tra cui spiccano certamente Spotify e Amazon Prime Music. Entrambe mettono infatti a disposizione dell’utente un nutrito catalogo di brani musicali e podcast (talvolta trasmessi in diretta): dopo essersi iscritti alla piattaforma, si può iniziare a usufruire dei servizi forniti istantaneamente. Nel caso di Spotify, ad esempio, l’utente può scegliere se accedere a una versione premium dell’applicazione, con vantaggi e qualità audio migliore, oppure se continuare a usare la versione di base gratuita. Non solo audio relativi a brani musicali e podcast: lo streaming audio riguarda anche gli audiolibri. Sono sempre più diffuse le applicazioni che, previo abbonamento (anche se quasi tutte forniscono un periodo di prova gratuito, solitamente da una settimana a un mese), permettono di accedere al proprio catalogo e ascoltare audiolibri direttamente dai propri dispositivi mobili, di solito smartphone o tablet, ma anche grazie alle versioni desktop delle varie app per computer. 

I vantaggi dello streaming sono dunque numerosi e considerevoli, tra comodità, velocità, costi e interazioni innovative: al momento è una delle tecnologie più interessanti da monitorare e quella dalle  prospettive di crescita maggiori.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.