Harry e Meghan, decisione rivoluzionaria: rinunciano al titolo

La coppia dividerà il tempo fra Regno e Nord America. "Lavoreremo per diventare indipendenti, sosterremo sempre la regina"

Harry e Meghan
Il principe Harry d'Inghilterra e la moglie Meghan Markle (Foto: Twitter)

Sin da giovanissimo il principe Harry d’Inghilterra, secondogenito di Carlo e Diana, aveva spesso dimostrato di essere “allergico” a diversi obblighi dettati dall’etichetta reale, ma anzi non aveva esitato a comportarsi come un qualunque ragazzo della sua età. Tanti gli scontri da ragazzo con i paparazzi e le “ragazzate” commesse con qualche leggerezza di troppo, anche se l’apice era stato certamente raggiunto nel 2005 quando si era reso protagonista di un vero e proprio scandalo: a una festa si era presentato vestito da SS. Pochi giorni dopo la svolta: la decisione di arruolarsi nell’esercito, che gli ha permesso anche di prendere parte a due missioni in Afghanistan, nel 2008 e nel 2013.

Una fase della sua vita che gli ha permesso certamente di maturare, oltre che di dimostrare l’attenzione nei confronti dei più deboli, caratteristica che non mancava anche nella sua cara mamma, a cui era particolarmente legato. Un ulteriore passo è arrivato con la decisione di mettere su famiglia e di sposare l’attrice Meghan Markle, che ha saputo comprenderlo appieno, e che qualche mese fa lo ha reso papà del piccolo Archie.

Ora arriva però una decisione davvero rivoluzionaria: la coppia ha deciso di«dimettersi» dalla royal family, ossia di rinunciare ai privilegi e agli oneri che spettano ai membri «senior» dei Windsor e di «diventare finanziariamente indipendenti», come annunciato attraverso il loro profilo Instagram.

Una coppia anticonformista

Essere parte di una famiglia reale, soprattutto se si tratta di quella inglese che è spesso nell’occhio dei media di tutto il mondo, comporta certamente importanti vantaggi, ma anche altrettanti obblighi a cui sottostare. La libertà di manovra è spesso pochissima, compresa l’impossibilità di scegliere liberamente come vestirsi.

Harry e la moglie Meghan Markle hanno però mostrato sin da subito di avere in comune la volontà di non omologarsi se non strettamente necessario. Basti pensare ad azioni semplici quali quella di firmare gli autografi, una pratica quasi vietata dal protocollo perchè si corre il rischio che la firma possa essere riutilizzata da alcuni malintenzionati. Ma la duchessa di Sussex tempo fa non aveva saputo resistere all’affetto dei sudditi. La donna si era poi fatta baciare la mano da un uomo, un gesto certamente gentile ma non ammesso negli incontri pubblici in cui è vietato l’incontro ravvicinato.

I due, amatissimi dalla gente comune anche per questo modo di agire, hanno però ora deciso di andare oltre. È stata infatti ufficializzata la decisione, almeno per i prossimi mesi, di passare gran parte del tempo in Canada, territorio legato alla monarchia dove la coppia ha già ricevuto accoglienze molto calorose con il piccolo Archie, nato l’anno scorso, e dove Meghan aveva vissuto ai tempi del suo lavoro da attrice per le riprese della serie Suites a Toronto.

E non è finita qui. Il secondogenito del principe Carlo e la moglie sono pronti anche a rinunciare ai privilegi e agli oneri che spettano ai membri «senior» dei Windsor e di «diventare finanziariamente indipendenti».

Una scelta pienamente consapevole

Già in occasione delle ultime feste natalizie la decisione sembrava poter essere nell’aria, non appena i due hanno voluto evitare di trascorrere a Sandringham le feste con la Regina Elisabetta e gli altri parenti della famiglia reale.

Ora però non sembrano esserci più dubbi. “Dopo molti mesi di riflessione e discussioni interne, abbiamo scelto di fare un cambiamento quest’anno, iniziando a ritagliarci progressivamente un nuovo ruolo all’interno di questa istituzione (la monarchia britannica, ndr). Intendiamo fare un passo indietro come membri “senior” della famiglia reale e lavorare per diventare finanziariamente indipendenti, pur continuando a sostenere pienamente Sua Maestà la regina – si legge nel loro profilo Instagram -. È con il vostro incoraggiamento, in particolare negli ultimi anni, che ci sentiamo pronti a fare questo cambiamento. Adesso abbiamo in programma di dividere il nostro tempo tra il Regno Unito e il Nord America, continuando a onorare il nostro dovere nei confronti della Regina, del Commonwealth e delle associazioni di cui siamo patroni”.

La scelta sarebbe stata presa anche per il bene del loro piccolo Archie, che si appresta a festeggiare il suo primo anno di vita. ” Questo equilibrio geografico ci consentirà di crescere nostro figlio con un occhio di riguardo alla tradizione reale in cui è nato, fornendo allo stesso tempo alla nostra famiglia lo spazio per concentrarci sul prossimo capitolo, compreso il lancio della nostra nuova organizzazione di beneficenza. Non vediamo l’ora di condividere i dettagli completi di questo entusiasmante nuovo passo, lo faremo a tempo debito, mentre continuiamo a collaborare con Sua Maestà la Regina, con il principe di Galles, il duca di Cambridge e tutte le parti interessate. Fino ad allora, vi preghiamo di accettare i nostri più sentiti ringraziamenti per il vostro supporto continuo “.

La frenata di Buckingham Palace

In una seconda nota, firmata dalla vice responsabile comunicazione della regina, Hannah Howard, si legge: “Le discussioni col Duca e la Duchessa di Sussex sono in una fase iniziale. Comprendiamo il loro desiderio di un approccio diverso, ma queste sono questioni complicate e richiedono tempo per essere elaborate”