Chef Rubio via da Discovery: “Non ero più sereno”

Chef Rubio smentisce la notizia secondo cui sarebbe stato cacciato da Discovery, raccontando su instagram la verità sulle motivazioni

Sta facendo scalpore la presunta “cacciata” di Chef Rubio da Discovery, che ha scatenato il web sulle motivazioni, specie alla luce dei recenti Tweet dello chef sulla politica.

La verità di Chef Rubio

Ma a raccontare la verità è proprio Rubio, che rompe il silenzio stampa delle ultime ore per spiegare i motivi del suo allontanamento, attraverso le storie di instagram. E questi motivi non sono quelli che si pensava fossero.

Le storie di instagram

“I motivi per cui ho deciso di interrompere “Camionisti in trattoria” sono molteplici e non starà qui a motivarli visto che di certe cose si parla (e si è già parlato) nelle apposite sedi”, scrive Rubio sul suo profilo. “Di certo posso dirvi che è stata l’unica cosa giusta da fare, e per correttezza nei vostri confronti che sempre mi sostenete con fiducia, e per coerenza nei confronti del percorso professionale e di vita che sto facendo”.

Poi prosegue, in una seconda storia: “Vi basti sapere però che non avevo più la serenità, le motivazioni e l’energia per continuare a girare un qualcosa in cui sentivo di aver già dato tutto” . “Continuare a girare per gli ascolti non è mai stata né mai sarà una mia peculiarità, e farlo per inerzia mi avrebbe reso infelice e ancor più nervoso di quanto già non fossi alla fine della terza stagione”, dice. “La cosa sarebbe ricaduta sia sul prodotto che sulla mia incredibile troupe. Loro meritano solo il massimo e io quel massimo non avrei più potuto garantirlo”, spiega ancora Rubio. Quindi, una scelta personale, non una “cacciata”.

A loro devo tanto e per loro farò sempre il tifo. Al mio sostitutoi invece non posso che fare un grosso in bocca al lupo e augurargli il meglio. Divertitevi sul set così che da casa si possa fare lo stesso” dice ancora. Poi la frecciata ai detrattori: “Chiudo dedicando un pensiero ai bifolchi e alle caciottare che “scrivono” di me: da 6 anni a sta parte mi hanno proposto le conduzioni di quasi tutti programmi televisivi che conoscete e se non me c’avete visto e mai me ce vedrete è solo perché nel nome della coerenza so dire “NO GRAZIE”.

Queste scelte m’hanno fatto rinunciare a na fracca de soldi (che sinceramente m’avrebbero pure fatto comodo), ma al contrario vostro me posso guarda ogni giorno allo specchio senza sputammenfaccia, quindi quando parlate di me o vi informate meglio oppure tacete perché altrimenti fate solo delle ricchissime figure dimmerda“, prosegue. “Ah, quando non mi vedrete più in TV, sarà solo perché l’avrò voluto io e non il vostro Dio”, ribadisce.

La stoccata ad Antognoni

Poi Chef Rubio conclude lo sfogo con un messaggio per il critico Dominique Antognoni, che aveva diffuso la notizia del suo allontanamento non volontario da Discovery. “Chef Rubio è stato amorevolmente accompagnato alla porta”, aveva scritto Antognoni, ma evidentemente, le cose non sono andate proprio così.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.