Bologna Jazz Festival 2019: star internazionali per un mese di appuntamenti

Al Bologna jazz Festival 2019 parteciperanno star internazionali del calibro di Pat Metheny, per un mese di eventi in tutta la città e non solo

Bologna jazz festival 2019
Bologna jazz festival 2019

Un “giardino di delizie”, l’edizione del Bologna jazz Festival 2019, che si terrà dal 25 ottobre al 26 novembre. Parteciperanno alla manfestazione grandi nomi come Pat Metheny, ma anche Dianne Reeves , e il trio Cross Currents.

Non solo musica dal vivo, per questa edizione, ma anche contenuti didattici e di intersezione tra jazz e altre forme espressive. Sul fronte interdisciplinare, il BJF è riuscito a coinvolgere il grande disegnatore Altan, che ha realizzato una serie di disegni originali per l’immagine del BJF 2019, con il fondamentale apporto di BilBOlbul Festival internazionale di fumetto.

Inoltre, il BJF 2019 sarà multilocalizzato. Oltre ai teatri bolognesi che ospiteranno i concerti principali, il festival sarà di casa in numerosi altri luoghi cittadini, e si espanderà anche nei comuni dell’area metropolitana e nelle province di Modena, Ferrara e Forlì.

Gli appuntamenti del Bologna jazz festival

Tra i concerti nei teatri spicca quello del pianista Fred Hersch, che inaugurerà i grandi appuntamenti in teatro, il 25 ottobre, all’Unipol Auditorium. Il 31 ottobre sarà la volta di Dianne Reeves, che come le jazz divas del passato, delle quali è una vera erede moderna, si muove con disinvoltura tra jazz e pop, trasformando ogni scelta di repertorio in una perfetta jazz song. L’8 novembre all’Unipol Auditorium si esibirà il Cross Currents Trio, formazione nella quale si incontrano tre leggende dei rispettivi strumenti. Dave Holland è uno dei più importanti bassisti della storia del jazz. Zakir Hussain è il virtuoso indiano delle tabla che più di ogni altro si è confrontato con il jazz statunitense. Chris Potter è uno dei più apprezzati ‘stilisti’ del sax. Con loro la musica scorre incontenibile e senza confini estetici.

Il 15 novembre, invece, l’Unipol Auditorium accoglierà un’icona vivente della musica brasiliana: Hermeto Pascoal. Polistrumentista eccentrico, Pascoal trascina il suo ‘Grupo’ in una musica la cui energia vitale la fa sembrare una sorta di religione animistica tradotta in suoni, con una notevole propensione al jazz.

Il 26 novembre Pat Metheny tornerà al Bologna Jazz Festival con un trio che promette di muoversi a ‘stile libero’ nel repertorio del carismatico chitarrista. Musicista dei record, Metheny, ha saputo costruire e mantenere nel tempo un rapporto unico col pubblico.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.