Giornata mondiale dell’alimantazione 2019: il tema è #FameZero

Il 16 ottobre è la giornata mondiale dell'alimentazione, il cui tema, proposto dalla Fao, è #FameZero, e richiama la necessità di una dieta sana per tutti

Il 16 ottobre è la Giornata mondiale dell’alimentazione 2019, il cui tema è riassunto nell’hashtag #FameZero. Un appello della Fao, l’organizzazione per l’agricoltura e l’alimentazione delle Nazioni Unite, per nutrire non solo le persone, ma il pianeta stesso.

La giornata mondiale dell’alimentazione 2019

L’obiettivo che la Fao chiede di raggiungere è quello che tutti riescano a riflettere su ciò che mangia, perché tutti possano avere una dieta sana e sostenibile per il pianeta. Del resto, con il cambiamento del nostro stile di vita è cambiato anche il nostro modo di alimentarci, che passa attraverso le logiche del consumismo e della globalizzazione. Manca il tempo, e sempre più ci affidiamo a cibi già pronti, surgelati o in vendita nei fast food. E questo ha conseguenze terribili per la salute. Perché il tasso di obesità è aumentato esponenzialmente. Del resto, è di pochi giorni fa l’avvertimento lanciato da Unicef Italia riguardante l‘obesità infantile, che in Italia ha raggiunto livelli definiti “preoccupanti”.

Lo squilibrio che si viene a creare è sotto gli occhi di tutti. Da una parte ci sono ancora 800 milioni di persone che soffrono la fame. Dall’altra sono 672milioni gli adulti e 124 milioni i giovani sovrappeso, per un totale di 796 milioni di persone a rischio obesità in totale nel mondo. E se si muore per la fame, è bene ricordare che si muore anche per il cibo. Per il cibo assunto in quantità e qualità sbagliate, che causa patologie di diverso tipo, anche molto gravi. patologie cardiovascolari, ma anche il diabete e il cancro.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.