Messa a disposizione 2019: grave carenza di insegnanti in tutta Italia

Emergenza in Italia per la mancanza di docenti. Cresce il numero della cosiddetta messa a disposizione per incarichi di supplenza nelle scuole.

Messa a disposizione 2019
Messa a disposizione 2019

Emergenza supplenti in diverse zone d’Italia e conseguente incremento della messa a disposizione, conosciuta con la sigla mad. Secondo i dati forniti da ANIEF, “Associazione nazionale insegnanti e formatori“, sono migliaia le cattedre scoperte. La messa a disposizione, ovvero la candidatura spontanea, deve essere inviata alle scuole per eventuali incarichi di supplenza.

Cosa è la messa a disposizione e come inviarla

La candidatura può essere presentata in tutte le scuole italiane per ricoprire il ruolo di supplenti. L’incarico ottenuto, mediante la messa a disposizione, permette di aumentare il punteggio e, di conseguenza, salire in graduatoria. La mad può essere inviata in formato cartaceo e anche mediante posta. Vi è anche la possibilità di inviarle mediante posta elettronica in formato leggibile (Pdf oppure Word). Esistono in ogni caso delle piattaforme per l’invio delle mad (a pagamento).

Nella mad bisogna inserire i dati anagrafici, la classe di concorso della materia che si vuole insegnare e i titoli di studio conseguiti. A ciò si aggiungono eventuali esperienze lavorative nel mondo della scuola. Vista la propria classe di concorso è necessario, qualora si voglia inviare le mad in maniera autonoma, visionare le scuole dove si può insegnare.

Emergenza supplenti anche Roma, Milano, Palermo e Torino

Le regioni che segnalano maggiori problemi sono al Nord. In Lombardia, secondo i dati pubblicati da “Il Sole 24 Ore”, mancheranno 13mila posti per docenti di ruolo, in Veneto 8mila. Senza dimenticare gli insegnanti di sostegno e le carenze di organico. Non va meglio la situazione in Sicilia dove scarseggiano insegnanti per le materie specialistiche. Sono tanti i posti vacanti anche in Abruzzo, Sardegna e Sicilia: assenti insegnanti di italiano, matematica e altre discipline tecniche.

Tipi di mad

Oltre alla classica mad per gli incarichi di supplenza esiste quella per l’insegnamento sul sostegno. A queste bisogna aggiungere quelle per il personale ATA ed eventuale messa a disposizione per i corsi di recupero estivi.

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.