Facebook: messaggi vocali trascritti da operatori esterni

Facebook si ritrova al centro di una polemica per aver pagato operatori esterni all'azienda per trascrivere i messaggi vocali di Messenger

Facebook, nuove polemiche
Facebook, nuove polemiche
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Una delle app più famose ed utilizzate, Facebook, è nuovamento al centro di alcune polemiche, legate questa volta i messaggi vocali mandati con la chat Messenger. Pare infatti che il colosso guidato da Mark Zuckerberg avrebbe pagato centinaia di operatori esterni all’azienda per trascrivere i messaggi vocali mandati dagli utenti con l’app.

La polemica con Facebook

A dare la notizia è l’agenzia Bloomberg. Facebook, messa davanti al fatto, ha ammesso di aver compiuto questa operazione in passato. Ma, ha sottolineato, era autorizzata dagli utenti. Tuttavia alcuni esperti ritengono che in realtà nelle condizioni d’uso dei messaggi vocali non ci sarebbe questa clausola.

Alcune aziende avrebbero effettuato le trascrizioni con l’obiettivo di migliorare l’assitenza, e tra queste ci sono anche Apple e Google. Tuttavia, i due colossi della tecnologia hanno specificato di vaer interrotto questo tipo di operazioni. Sempre sull’onda di questa polemica, Amazon ha invece fatto sapere che opererà in modo che gli utenti potranno impedire la trascrizione dei messaggi vocali scambiati con Alexa, l’assistente vocale dei dispositivi Echo.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.