Festival di Cannes, tutti in piedi per il biopic su Elton John

"Rocketman" ha ricevuto applausi a scena aperta. Il film parla della storia di Elton John. La pellicola è stata presentata al Festival di Cannes.

Festival di Cannes 2019, presentato il film sulla vita di Elton John (foto Youtube)

“Sir Reginald” sbarca a Cannes, e sbanca. Una vera e standing ovation per “Rocketman”, l’ha tributata il pubblico di Cannes al film biopic su Elton John e prodotto dallo stesso artista britannico. La premiere mondiale del film proiettato in anteprima mondiale e fuori concorso al Grand Theatre Lumiere ha suscitato applausi a scena aperta. Immensa anche la soddisfazione del protagonista assoluto della serata, un Elton John che non ha rinnegato il suo amore per i look appariscenti e che si è presentato sulla Croisette con grandi occhiali glitterati di colore rosso e a forma di cuore e una giacca con un razzo disegnato sul tessuto.

Festival di Cannes, Elton John in “Rocketman”

Con lui il regista Derex Fletcher, l’attore protagonista che impersona “Reginald”, il bravissimo Taron Egerton. Sir Elton John era accompagnato anche dal marito, il produttore canadese David Furnish e dal cast al completo del film. La rivista Variety ha calcolato che la standing ovation tributata al film è durata cinque minuti buoni, in una splendida serata che alla fine ha regalato una chicca. L’esibizione di Elton John e del suo alter ego cinematografico Taron Egerton durante il party a Carlton Beach in una riuscitissima versione a due proprio della title track “Rocketman”.

Giampiero Casoni
Giampiero Casoni, 50enne nato a Cassino, è da sempre un cronista di giudiziaria. Ha collaborato ed operato in redazione per Ciociara Oggi, La Provincia, di cui ha curato anche l'edizione nazionale e Provincia quotidiano, che ha recentemente accompagnato in esequie editoriali. Ha partecipato alla fondazione e vita di numerosi free press e pubblicato pezzi per agenzie dell'Alto Casertano aventi a tema soprattutto la camorra aversana. Autore di numerose inchieste sulla camorra domitia dei La Torre, si è cimentato anche con la scrittura, pubblicando romanzi sui clan secondiglianesi e sillogi poetiche. Appassionato di storia e umorista a tempo perso, cura con molta approssimazione e svogliatezza il blog Bignè all'aceto, di cui intende, da qui a qualche secolo, riesumare i fasti potenziali assieme alla compagna, la scrittrice Monia Lauroni, moderna eroina martirizzata dal suo perenne borbottare.